Superenalotto, il sistema che promette di distruggere il Jackpot: provateci!

Un modo per provare a portare dalla propria un minimo di fortuna, una tecnica che sta avendo spesso ragione nel paese.

Siamo onesti, in questa specifica fase tutti o quasi hanno un chiodo fisso in testa, il Superenalotto. In certi casi per provare ad esorcizzare in qualche modo l’intera dinamica bisognerebbe affrontare del tutto la questione. In queto caso, affrontarla vuol dire forse giocare su quello stesso campo, sfidare al tempo stesso la sorte e vedere cosa può succedere.

sistema superenalotto
canva

Cosa può spingere un cittadino, un giocatore, a sfidare un preciso gioco. Ci troviamo di fronte ad un dilemma quasi esistenziale ai giorni nostri. La risposta potrebbe essere nel quotidiano, in ciò che viviamo, nelle difficoltà che il cittadino medio vive e che non vorrebbe più affrontare. La sfida è nell’odierno con una crisi che ha letteralmente spazzato via ogni certezza. L’inconsistenza, per il momento, della risposta dello Stato a questo tipo di emergenza alimenta probabilmente un sentimento forse ancora più forte d rivalsa, per l’appunto di sfida.

La sfida in questione è singola, certo, ma non per forza. Non è detto che la risposta al disagio arrivi da una sola persona. Si può immaginare, invece, magari non sempre una unione con intento unico, nel caso specifico sbancare il Superenalotto. Niente di più sognato, desiderato, niente di più complicato, è il caso di aggiungere. Qualcuno il pensiero lo ha fatto davvero ed ha elaborato uno specifico piano per provare ad avere ragione una volta per tutte.

Il gruppo di tenaci giocatori per la verità è abbastanza folto ed ha preparato una serie complessa di possibilità di gioco capace di muoversi in ogni parte d’Italia. Una sorta di risposta comune da parte dei cittadini. Belle soddisfazioni insomma, almeno leggendo le cronache, indagando tra le cose accadute. L’idea principale arriva insomma nemmeno poi da molto lontano, il risultato è visibile più che mai in ogni parte d’Italia, oggi più che mai.

Superenalotto, il sistema che sbanca il jackpot: da Portogruaro la tecnica che semina vittorie

Il sistema in questione arriva da Portogruaro, sviluppato da otto giocatori. Dalla provincia di Venezia insomma arriva al soluzione, ipotetica alla mancanza di affermazioni. Il risultato è di quelli che fanno notizia. Si pensa ad un sistema di gioco ma non sempre sii immagina di poter letteralmente sbancare ad un gioco come il Superenalotto. Al momento, ricordiamolo, il jackpot supera quota 270 milioni di euro, una cifra di denaro veramente forse troppo importante.

Al momento, cosi come anticipato ci troviamo di fronte ad un jackpot incredibilmente alto. Un record assoluto nel nostro paese, qualcosa che in 25 anni di storia del Superenalotto non si è mai visto. 270 milioni di euro e più polverizza, come cifra il precedente primato: Lodi 2019, vinti 209 milioni di euro. L’ultima affermazione, l’ultimo “6” insomma è invece datato maggio 2021. In quell’occasione il fortunato vincitore portò a casa la bellezza di 156 milioni di euro.

Il sistema in questione è uno di quelli definiti 10×10. Il risultato complessivo è da applausi, per chi ha elaborato il sistema in questione: 780mila euro distribuiti in tutta Italia. Nello specifico il gruppo di cittadini di Portogruaro, con un investimento di 27,75 euro ciascuno hanno conquistato circa 5mila euro a testa. Da non dimenticare, inoltre, cosi come specificato da colui che prepara di fatto i sistemi Gabriele Nogherotto della Totoricevitoria Olivo che: “Per la vincita c’è comunque una trattenuta erariale del 20 per cento, in pratica su 780 mila euro di vincita lo Stato ne ha trattenuto 156 mila”.

Il sistema insomma funziona, le soddisfazioni arrivano e nonostante le trattenute dello Stato piccoli bottini cominciano a fioccare lungo la penisola. Il gruppo ha fatto centro insomma. Vincite che sfiorano il milione e centinaia di cittadini più che soddisfatti. Una bella storia all’italiana.