Legge 104, in questi casi non si paga l’Iva: le agevolazioni che non ti aspetti

In determinati casi i titolari di Legge 104 non devono pagare l’Iva. Ecco le agevolazioni che non ti aspetti.

Buone notizie per molti titolari di Legge 104 che in determinati casi hanno diritto a non pagare l’Iva. Ma di quali si tratta? Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

legge 104 iva
Foto © AdobeStock

Lavoro, attività lavorativa, tempo libero e tanto altro ancora. Sono davvero tante le cose da fare e che richiedono il nostro massimo impegno. Allo stesso tempo sono molte anche le spese da dover sostenere e che pesano sul bilancio famigliare. A tal proposito, ad esempio abbiamo già visto come anche nel corso del 2022 i titolari di Legge 104 potranno beneficiare di tutta una serie di bonus e agevolazioni comunali e regionali.

Sempre in tale ambito, inoltre, interesserà sapere che giungono buone notizie per molti titolari di Legge 104 che in determinati casi hanno diritto a non pagare l’Iva. Ma di quali si tratta e come funziona? Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

Legge 104, in questi casi non si paga l’Iva: tutto quello che c’è da sapere

Come già detto, giungono buone notizie per molti titolari di Legge 104 che in determinati casi hanno diritto a non pagare l’Iva. Ma di quali si tratta e come funziona? Ebbene, a tal proposito bisogna innanzitutto ricordare che con la Legge 104 non si paga l’Iva al 22%, bensì al 4%.

Quest’ultima, ricordiamo, è volta a garantire un supporto alle persone titolari di Legge 104 per l’acquisto di veicoli, sussidi tecnici e informatici. Ma non solo, anche mezzi di ausilio e altre spese sanitarie. In particolare è bene sapere che con la Legge 104 non bisogna pagare l’Iva per l’acquisto di auto o motoveicolo, nuovo o usato.

Allo stesso tempo non si deve pagare l’Iva nel caso in cui si decida di adattare dei mezzi alla minorazione della persona con disabilità, così come per l’acquisto di accessori e strumenti per le relative prestazioni. Stesso discorso vale anche per l’acquisto di sussidi tecnici e informatici.

Ma non solo, anche per mezzi di ausilio come ad esempio quelli necessari per l’accompagnamento e la deambulazione. Tra questi, ricordiamo, si annoverano le protesi sanitarie, attrezzature sanitarie, ma anche apparecchi per facilitare l’audizione e così via.