I Semafori non saranno mai più come prima: siete pronti al cambiamento?

I semafori saranno dotati a breve di dispositivi per il conto alla rovescia in grado di aumentare la sicurezza per automobilisti, pedoni e ciclisti.

Il Provvedimento è stato firmato dal Ministro Giovannini e presto assisteremo ad un cambiamento importante sulle strade italiane.

semafori conto alla rovescia
Adobe Stock

I semafori con il countdown non saranno più una rarità nelle citta italiane ma dovranno diffondersi a macchia d’olio. La sicurezza sulle strade è una priorità per il ministro Giovannini che ha firmato un provvedimento che richiede l’installazione dei dispositivi per il conto alla rovescia su ogni semaforo – da aggiungere alle telecamere di controllo. Nel Decreto sono contenute le informazioni relative all’omologazione e al montaggio degli apparecchi che permettono di visualizzare il tempo rimanente prima dello scatto del verde o del rosso. Obiettivo del Decreto è aumentare la sicurezza degli utenti “vulnerabili” ossia pedoni e ciclisti. Principalmente interessati dal cambiamento saranno, dunque, gli impianti semaforici – nuovi o già esistenti – interessati dall’attraversamento pedonale o ciclabile, internamente o esternamente alle intersezioni.

Semafori con conto alla rovescia, le indicazioni del DL

Il Decreto voluto dal Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili disciplina l’attraversamento stradale secondo le indicazioni del Regolamento Europeo 305/2011. Nel testo si leggono le caratteristiche, le modalità di installazione (il sistema di contatori digitali a 2 o tre cifre dovrà essere posizionato al di sopra della luce rossa ad un’altezza di 4 metri dal suolo), i requisiti dei dispositivi da associare ad ogni semaforo. Il conto alla rovescia permette a pedoni e ciclisti di calcolare correttamente il tempo del passaggio da una parte all’altre della strada senza mettere a rischio la propria incolumità.

L’installazione dei dispositivi è in alcuni casi obbligatoria, in altri casi a discrezione degli enti proprietari o gestori della strada interessata. La pericolosità dell’incrocio o dell’intersezione determinerà l’obbligatorietà o meno del montaggio degli apparecchi di countdown.

Entro quanto tempo assisteremo al cambiamento

Oltre ai requisiti funzionali dei dispositivi, alle modalità di funzionamento e all’obbligatorietà del montaggio, il Decreto prevede che l’installazione debba avvenire entro due anni dall’approvazione del Programma Triennale dei lavori pubblici o del Programma Biennale per l’acquisizione di servizi e forniture. Tale lasso temporale dovrebbe consentire ai Comuni di adeguarsi alle direttive e di ottemperare l’obbligo ove vigente.

Infine, i Programmi dovranno essere redatti (o aggiornati) ai sensi del Codice dei Contratti Pubblici entro due anni dall’entrata in vigore del Decreto firmato da Giovannini.

Impostazioni privacy