L’ISEE è la chiave di accesso a numerosi Bonus per famiglie: scopriamo quali

L’ISEE permette di richiedere diversi Bonus per la famiglia attivati come sostegno economico in un periodo di rincari. Vediamo quali agevolazioni si possono ottenere nel 2022/2023.

Inizieremo una panoramica sui Bonus richiedibili con ISEE basso in questi ultimi mesi del 2022 e nel 2023.

ISEE Bonus famiglie
Adobe Stock

L’Indicatore della Situazione Economica Equivalente definisce la situazione reddituale e patrimoniale delle famiglie. Ha validità un anno – da gennaio a dicembre – e si può richiedere online in autonomia tramite il portale INPS oppure avvalendosi dell’aiuto di CAF e patronati. La documentazione da fornire per conoscere il valore ISEE del proprio nucleo familiare è ricca di certificazioni e informazioni. Citiamo gli interessi del mutuo, i codici fiscali di tutti i membri della famiglia, la giacenza media sul conto corrente e così via. L’ISEE è legato, poi, alla preventiva compilazione della DSU. Insomma, una procedura che può sembrare laboriosa a chi non ha praticità con l’amministrazione della carte ma che consentirà di avere accesso a numerosi Bonus dedicati alle famiglie.

ISEE, la panoramica dei Bonus da richiedere

La panoramica sui Bonus da ottenere con ISEE basso inizia con gli sconti nella bolletta della luce e gas dedicati a chi ha un valore dell’Indicatore inferiore a 12 mila euro (8.265 prima del Decreto del 21 marzo 2022). L’importo del buono per l’energia elettrica va da un minimo di 125 euro ad un massimo di 173 euro in base al numero dei componenti del nucleo familiare. L’ISEE sale a 20 mila euro per le famiglie con più di 3 figli a carico.

Procediamo con lo sconto sulla bolletta del telefono. Il limite reddituale da non superare è di 8.122,23 euro all’anno mentre la riduzione è pari al 50% sul canone mensile. Altra agevolazione per le famiglie è la Carta acquisti ordinaria per fare la spesa e pagare le bollette richiedibile con ISEE inferiore a 7.120,39 euro all’anno. L’importo erogato sulla card è di 80 euro ogni due mesi e potrà essere speso negli esercizi convenzionati e presso Poste Italiane per pagare le utenze domestiche. In più, i titolari avranno diritto ad uno sconto del 5% in farmacia e nei negozi aderenti.

La lunga lista continua

L’ISEE determina, poi, l’importo dell‘Assegno Unico Universale ossia la prestazione che dal mese di marzo viene erogata alle famiglie con figli a carico. I nuclei con ISEE fino a 15 mila euro riceveranno 175 euro a figlio ma non inviando il valore dell’Indicatore si otterrà la cifra minima, 50 euro.

L’attestazione dell’ISEE, poi, è fondamentale per ottenere agevolazioni sul pagamento delle tasse universitarie. L’importo della riduzione varia a seconda delle direttive dell’Ateneo scelto e al valore dell’Indicatore. Un altro Bonus attivo per ammortizzare le spese delle famiglie è il Bonus Asilo Nido. Con ISEE fino a 25 mila euro si potranno ottenere 3 mila euro all’anno per il pagamento della retta; da 25.001 a 40 mila euro l’importo sarà di 2.500 euro all’anno e sopra i 40 mila euro di 1.500 euro annui.

Concludiamo con il Bonus dedicato all’acquisto dei libri scolastici. La spesa è onerosa e molte Regioni si sono attivati per aiutare economicamente i nuclei con ISEE basso. La Lombardia, ad esempio, ha fissato il limite di 15.748,78 euro per ottenere dai 200 ai 500 euro. Qui il piano delle diverse Regioni.