Farmaci introvabili nelle farmacie, un incubo per le famiglie italiane: li usiamo tutti

Un vero e proprio incubo per molte famiglie italiane che si ritrovano a dover fare i conti con delle serie difficoltà nel riuscire a trovare alcuni farmaci. Ecco cosa sta succedendo.

È partita una vera e propria caccia a questi farmaci che sono diventati introvabili. Ma di quali si tratta e cosa sta succedendo? Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

farmaci introvabili
Foto © AdobeStock

Sono ormai oltre due anni che ci ritroviamo purtroppo a dover fare i conti con il Covid e le ripercussioni negative che quest’ultimo ha portato con sé sulle nostre vite, dal punto di vista sia economico che sociale. Proprio in tale contesto, pertanto, non può passare inosservato l’incubo che stanno vivendo molte famiglie italiane.

Quest’ultime, infatti, stanno riscontrando delle serie difficoltà nel riuscire a rinvenire diversi farmaci presso le farmacie del nostro Paese. Ma di quali si tratta e soprattutto cosa sta succedendo? Entriamo quindi nei dettagli per vedere tutto quello che c’è da sapere in merito e soprattutto quali sono i farmaci coinvolti.

Farmaci introvabili nelle farmacie, un incubo per molte famiglie italiane: scenario inaspettato

Già qualche tempo fa abbiamo visto assieme come molte famiglie italiane riscontrano delle serie difficoltà nel riuscire a trovare questo farmaco. Una situazione, quest’ultima, che purtroppo non sembra arrestarsi. Anzi, ad essere interessati da tale triste fenomeno sono anche altri farmaci che, a loro volta, risultano introvabili. Ma di quali si tratta?

Ebbene, come si evince dal sito dell’Agenzia Italiana del Farmaco, oltre al Nurofen, anche Gaviscon e alcuni tipi di Aspirina Bayer risultano al momento introvabili nelle farmacie del nostro Paese. Alla base di tale situazione “diversi fattori, tra i quali, per esempio, l’irreperibilità del principio attivo, problematiche legate alla produzione, provvedimenti a carattere regolatorio, imprevisto incremento delle richieste di un determinato medicinale, o emergenze sanitarie nei paesi di produzione”.

Tra i farmaci interessati da tale situazione anche Brufen e altri a base di ibuprofene, la cui mancanza, così come è facile notare dall’elenco dei farmaci carenti pubblicato dall’Aifa, si presume migliorerà a partire dal prossimo 3 ottobre. Per quanto concerne il Gaviscon Advance, invece, non sono disponibili ancora informazioni in merito al periodo in cui si potrebbe registrare un miglioramento della situazione.

In caso di dubbio, comunque, così come suggerito anche dalla stessa Agenzia Italiana del Farmaco, si consiglia di chiedere informazioni in merito al proprio medico in modo tale da farsi consigliare un eventuale trattamento alternativo. In ogni caso, è bene sottolineare, non bisogna farsi prendere da inutili allarmismi. Anche perché, come già detto, è sufficiente chiedere informazioni in merito ad un farmacista per poter optare per una delle tante alternative disponibili in commercio.

Impostazioni privacy