Attenzione a cosa mangiamo: la lunga lista dei cibi pericolosi

Negli ultimi tempi sempre più spesso assistiamo a ritiri dai banchi dei supermercati e non solo di prodotti alimentari.

Quello che succede da un po’ di tempo a questa parte vede la maggior parte dei consumatori letteralmente scioccati e fortemente preoccupati per l’andazzo che la situazione in effetti sta prendendo. Il ritiro continuo dai banchi dei supermercati e non solo sta praticamente facendo perdere ogni fiducia da parte dei cittadini nelle varie case produttrici.

alimenti scadenza
Adobe Stock

Oggi più che mai assistiamo al continuo timore di incappare nell’alimento sbagliato. Sono ormai tantissimi gli articoli di genere alimentari ritenuti in qualche modo dannosi per il nostro organismo. L’intossicazione alimentare, potenzialmente causata dalla modalità di trattamento degli stessi cibi può causare problemi molto seri alla nostra salute. Una speciale classifica ci dice quali sono i nove alimenti più pericolosi in assoluto.

Negli ultimi giorni abbiamo visto quanto sia probabile trovare alimenti rischiosi ad esempio nei supermercati. I ritiri messi in atto da Lidl e da altri importanti marchi attivi nel settore della grande distribuzione nel nostro paese sono la prova che qualcosa non funziona cosi come dovrebbe. Oggi, più che mai bisogna fare molta attenzione a quei cibi che regolarmente assumiamo. Potrebbe nascondersi al loro interno qualcosa di potenzialmente molto dannoso.

Le intossicazioni alimentari possono differirsi in 250 diverse tipologie. Tra queste possiamo trovare dinamiche tossiche che colpiscono e si manifestano attraverso i sintomi più diversi. Numerosi i fattori patogeni cosi come i batteri, virus e parassiti presenti in tantissimi cibi che regolarmente assumiamo. La contaminazione alimentare è un fenomeno che oggi più che mai fa davvero paura. Le modifiche nella produzione e distribuzione degli stessi alimenti stanno provocando enormi falle in quella che dovrebbe essere la regolare condizione di questi ultimi.

Attenzione a cosa mangiamo: ecco l’elenco dei cibi più pericolosi in circolazione

Tra gli alimenti più pericolosi, quelli coinvolti con maggiore frequenza, considerati i fattori di rischio in quella che definiamo la più comune e potenziale intossicazione alimentare troviamo:

  • Verdura
  • Pollame
  • Carne bovina e suina
  • Pesce
  • Frutta
  • Uova
  • Latte e latticini

Stando a quanto riferisce l’Istituto Superiore della Sanità, l’intossicazione alimentare è causata dall’eccessivo consumo di alimenti ritenuti contaminati da batteri, tra questi troviamo la salmonella, l’escherichia coli o determinati virus. L’intossicazione alimentare può manifestarsi in poche ore attraverso i seguenti sintomi:

  • nausea
  • vomito
  • diarrea (anche con sangue o muco)
  • crampi allo stomaco e dolore addominale
  • debolezza
  • perdita di appetito
  • febbre
  • muscoli doloranti
  • brividi

Il rischio, inoltre potrebbe essere maggiore per i seguenti soggetti, considerati quindi maggiormente sensibili:

  • individui con più di 65 anni
  • bambini al di sotto dei 5 anni
  • individui con sistema immunitario indebolito a causa di malattie come tumori, diabete, malattie del fegato o dei reni, infezione da HIV/AIDS, alcolismo
  • persone che fanno uso di farmaci antiacidi o che hanno subito trattamenti di chemioterapia o radioterapia
  • donne in gravidanza

Tra i cibi in assoluto più pericolosi possiamo trovare secondo un rapporto del CDC, Centers for Disease Control and Prevention ad esempio la verdura, tra i cibi maggiormente contaminati da agenti patogeni, responsabili del 21% delle intossicazioni. Pollame, con carni di pollo e tacchino responsabili del 12% e dell’8% delle intossicazioni. La carne bovina e suina responsabili del 9% e del 10% delle intossicazioni.

Inoltre possiamo trovare come causa di intossicazioni alimentari il pesce, con i molluschi responsabili del 5% delle contaminazione e tutti gli altri del 4%. La frutta, responsabile del 4% delle contaminazioni. Molta attenzione va riposta nella frutta già tagliata, sbucciata e lavata. Le uova, inoltre rappresentano la causa del 7% delle intossicazioni di tipo alimentare, mentre latte e latticini il 5%.

Cereali e legumi, incidono per il 4% sul rischio complessivo di intossicazioni alimentari. Tutti gli altri alimenti, infine, possono incidere, in questo senso per il 7%. Massima allerta insomma rispetto a quello che mangiamo ed a come lo mangiamo. Il pericolo intossicazione potrebbe essere più che mai dietro l’angolo.