Naspi, cresce l’attesa per il pagamento di settembre: come scoprire la data del versamento

Quando verrà pagata l’indennità Naspi nel mese di settembre? Scopriamo come conoscere la data del versamento che risolleverà il morale.

L’accredito della Naspi dipende dal giorno di presentazione della domanda ma c’è una data da ricordare per l’inizio delle erogazioni.

Naspi pagamenti
Adobe Stock

La Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego è un’indennità percepita da chi si trova in stato di disoccupazione non per propria responsabilità. Destinatari sono i lavoratori con rapporto subordinato che sono stati oggetto di licenziamento, che hanno inoltrato dimissioni per giusta causa o hanno perso involontariamente l’occupazione. Vi rientrano gli apprendisti, il personale artistico, i dipendenti delle PA a tempo determinato e i soci lavoratori di cooperative. Ogni mese per un numero di settimane pari alla metà delle settimane contributive degli ultimi 4 anni precedenti alla disoccupazione si riceverà l’importo equivalente al 75% della retribuzione mensile media. La data di erogazione della prestazione, però, è variabile da persona a persona e dipenderà dal giorno dell’inoltro della domanda.

Naspi, quando verrà pagata nel mese di settembre

A partire dal 10 settembre, i percettori Naspi potranno aspettarsi il pagamento dell’indennità relativa al mese precedente. Come detto, una data fissa per tutti non è definibile dato che i versamenti sono legati all’inoltro della domanda di accesso alla prestazione. In generale, si può tener conto come periodo di riferimento la metà del mese. 

Per poter conoscere con esattezza la data di erogazione basterà accedere al Fascicolo Previdenziale del Cittadino presente sul sito dell’INPS. Il cittadino dovrà utilizzare le proprie credenziali digitali per entrare nell’area personale MyINPS e cercare la sezione di riferimento (Prestazioni e pagamenti). Stesso periodo di riferimento per i disoccupati che percepiscono la DIS-COLL e per i disoccupati agricoli.

E il Bonus 200 euro una tantum per i disoccupati?

Se tra poche settimane arriverà l’indennità di disoccupazione per prendere una boccata di ossigeno tra tanti rincari e spese, per l’erogazione del Bonus 200 euro sarà necessario attendere fino ad ottobre. Questo, infatti, il mese deputato al pagamento dell’agevolazione volta a combattere i rincari. I percettori Naspi dovranno aspettare al pari di autonomi, collaboratori sportivi, precari della scuola, lavoratori dello spettacolo, incaricati delle vendite a domicilio, pur non dovendo inviare alcuna domanda. Stesso discorso per i percettori DIS-COLL e i disoccupati agricoli.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Il Bonus 200 euro, dunque, si riceverà probabilmente insieme all’erogazione dell’indennità di disoccupazione involontaria ad ottobre.