Supermercati e crisi, le soluzioni abbondano: ecco cosa si sono inventati

Inutile sottolineare quanto questo momento storico possa essere vissuto in maniera assolutamente tormentata dai cittadini.

Farè di necessità virtù si potrebbe suggerire in questo momento tanto particolare delle nostre vite. I cittadini, oggi sono chiamati a compiere delle scelte non sempre facili. Tanti gli sforzi per far quadrare il bilancio familiare giorno dopo giorno. La pressione della crisi è tale, con i prezzi alle stelle in ogni settore, da provocare veri e propri momenti di smarrimento.

supermercato portafoglio
Foto © AdobeStock

Prezzi sempre più alti di quasi tutti gli articoli presenti tra gli scaffali dei supermercati che quotidianamente di riempiono di cittadini a caccia della giusta offerta. Non è esagerato affermare che tale situazione può portare al più totale sconforto. I prezzi aumentano ma gli stipendi dei lavoratori restano invariati, chiaramente questo vale per chi un lavoro ce l’ha. Non è semplice gestire il tutto. Vedere aumentare di prezzo ogni cosa ed avere in tasca sempre gli stessi soldi.

Giorno dopo giorno insomma i cittadini provano a sperimentare nuove tecniche, provare nuovi prodotti, riuscire insomma, cosi come anticipato a fare di necessità virtù. Non sempre l’offerta imperdibile arriva al momento giusto e quindi per acquistare magari un determinato prodotto si deve attendere la prossima vantaggiosa trovata commerciale del supermercato in questione. Non tutti però la pensano allo stesso modo, non tutti gli store adottano la stessa politica.

Oggi più che mai, anche chi sta dall’altra parte, l’imprenditore, o magari il direttore di un particolare negozio, rappresentante di questa o quell’altra catena di supermercati ha il dovere di provare a lanciare una nuova linea. Una dinamica che possa essere vantaggiosa, sempre commercialmente parlando per entrambi le parti in causa. Da una parte i consumatori, dall’altra le aziende. La soluzione, in alcuni casi è stata trovata e funziona alla grande.

Supermercati e crisi, le soluzioni abbondano: il buono benzina è forse la giusta risposta per i cittadini

La trovata adottata da alcuni supermercati può essere considerata davvero geniale. Andare ad accumunare due degli aspetti più temuti dai cittadini attraverso una sola operazione. Buoni carburante associati alla spesa al supermercato. In questo caso, l’offerta ha però vita breve, c’è tempo fino al 21 agosto. I buoni in questione saranno distribuiti ai clienti che acquistano determinati prodotti. Una trovata assolutamente ingegnosa che porta vantaggi a tutti, in un certo senso.

Esselunga, nota catena di supermercati dislocati in molte zone del nostro paese infatti offre buoni carburante per ogni cinque euro di spesa riguardante esclusivamente specifici prodotti. Più articoli selezionati si acquistano più alto è l’importo dei buoni carburante ricevuti. Lo stesso sconto su benzina, diesel o gas comparirà alla fine dello scontrino. Il regolamento in questione consente per l’appunto uno sconto di 5 euro per ogni 25 euro di carburante. Quindi gli stessi buoni possono essere utilizzati anche in più occasioni.

Inoltre, per avere accesso ai buoni in questione bisogna essere titolari della Fidelity Card Esselunga. Un piccolo ingegnoso trucco insomma per fidelizzare per l’appunto, ancora di più il cliente. Una trovata certo geniale e vantaggiosa per gli store che possono in questo modo lanciare prodotti che forse prima non sarebbero stati acquistati, e per i clienti che si troveranno ad avere degli enormi vantaggi nel momento in cui, con la propria auto avranno bisogno di fare rifornimento. Tutti contenti insomma.

Tempo di crisi e di trovate ingegnose insomma, capaci di soddisfare le esigenze di tutte le parti in causa. La scadenza della promozione in questione è fissata per il 21 agosto ma non è detto che il tutto non possa ripetersi magari tra qualche settimana. Il successo di una simile campagna potrebbe realmente portare enormi vantaggi anche alla stessa azienda. In questo caso quindi, contenti tutti, nel vero senso della parola.