Pensione, occhio al cedolino: quando viene pagata a settembre, c’è anche una sorpresa

Occhio al cedolino della pensione! Ecco quando avranno luogo i pagamenti di settembre e chi beneficerà di importanti aumenti in vista a partire da ottobre.

Mentre in molti sono in attesa di sapere chi beneficerà di aumenti sul cedolino a partire da ottobre 2022, ecco le date da segnare sul calendario per quanto riguarda i pagamenti delle pensioni di settembre. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

aumento pensioni ottobre 2022
Foto © AdobeStock

Riuscire a sostenere le varie spese risulta per molti sempre più difficile. Lo sanno bene, purtroppo, i tanti anziani che si ritrovano a vivere con pensioni al di sotto di 1.000 euro al mese, non riuscendo di conseguenza ad arrivare alla fine del mese. Proprio per questo motivo non stupisce che siano in molti ad attendere con impazienza i pagamenti dei trattamenti pensionistici a settembre 2022.

Ma non solo, sempre in tale ambito interesserà sapere che giungono ottime notizie per molti pensionati che a partire da ottobre 2022 potranno beneficiare di un aumento sul trattamento pensionistico. Ma per quale motivo e soprattutto chi ne potrà beneficiare? Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

Pensione, quando avranno luogo i pagamenti di settembre: tutto quello che c’è da sapere

Come ogni mese, l’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale provvede ad erogare le pensioni ai soggetti aventi diritto. I pagamenti dei trattamenti pensionistici di agosto, come noto, sono già stati accreditati. Cresce quindi l’attesa per i pagamenti in programma il prossimo mese di settembre, con molti che si chiedono quando avranno luogo e soprattutto quali siano le date da segnare sul calendario.

Ebbene, come avvenuto già con le precedenti mensilità, coloro che si fanno accreditare la pensione direttamente sul conto si vedranno erogare la pensione il primo giorno bancabile del mese, ovvero giovedì 1 settembre 2022.

Per quanto riguarda i soggetti che ritirano la pensione in contanti presso gli sportelli degli uffici postali, invece, i pagamenti saranno programmati nel periodo compreso tra giovedì 1 settembre e mercoledì 7 settembre 2022, seguendo un calendario scaglionato in ordine alfabetico, ovvero:

  • giovedì 1° settembre dalla A alla B;
  • venerdì 2 settembre dalla C alla D;
  • sabato 3 settembre dalla E alla K;
  • lunedì 5 settembre dalla L alla O;
  • martedì 6 settembre dalla P alla R;
  • mercoledì 7 settembre dalla S alla Z.

Pensioni, aumenti a partire da ottobre 2022: chi ne ha diritto e il motivo

Sempre soffermandosi sulle pensioni, inoltre, come già detto in molti potranno beneficiare a partire da ottobre 2022 di importanti aumenti, pari a 2,2%. Lo 0,2% di tale aumento, interesserà sapere, è dato dall’anticipo del conguaglio del 2021.

Quest’ultimo, inizialmente previsto per gennaio 2023, è stato deciso di anticiparlo a ottobre 2022, consentendo in questo modo di correggere il dato sull’inflazione del 2021 pari all’1,9% anziché 1,7%, così come stimato e applicato dall’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale nel corso del 2022.

Ma non solo, l’aumento sulle pensioni ad ottobre 2022 avrà luogo per effetto di una misura prevista con il decreto Aiuti bis, che prevede un acconto pari al 2% per la compensazione annuale dell’inflazione.

Tale rivalutazione del 2%, è importante sapere, non verrà applicato a tutti, bensì solo a coloro che percepiscono meno di 35 mila euro lordi l’anno. Non si tratta comunque, è bene sottolineare, di una misura straordinaria, ma solo dell’anticipo dell’indicizzazione inizialmente prevista a gennaio.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Allo stesso modo anche l’aumento non sarà uguale per tutti. L’importo, infatti, risulterà differente a seconda della fascia di reddito di riferimento. In media, comunque, è possibile affermare che si tratta di incrementi che oscilleranno dai 10 euro a massimo 50 euro in più circa.