Rischio al volante sempre costante: l’ultima trovata che rovina gli italiani

Non c’è pace per i cittadini italiani, martoriati dalla crisi ma tempestati nel vero seno della parola ormai da qualsiasi tipo di dinamica avversa.

Di recente le cose per gli italiani, per i cittadini insomma non vanno certo bene. Non solo per loro sia chiaro, un po’ tutti in questa fase di profonda crisi stanno facendo in qualche modo i conto con dinamiche spesso avverse che ne quotidiano riescono a togliere come non mai serenità e tranquillità ai cittadini. Ci troviamo in un momento storico molto particolare. Tirare avanti, spesso significa fare i conti con una realtà troppe volte realmente ostile.

Autogrill
Adobe Stock

Fermiamoci un attimo a riflettere. Cosa riguarda oggi il cittadino medio. In Italia cosi come nel resto d’Europa. Con cosa deve fare i conti questa persona dal momento in cui mette piede fuori dalla propria abitazione magari per andare a lavorare, nelle migliori delle ipotesi, giusto sottolinearlo. Caro prezzi, a cominciare dal caffè della mattina alla spesa della sera, è aumentato qualsiasi bene, qualsiasi alimento, di prima necessità o meno.

Carburante, non dimentichiamolo. Come ci si muove se non con la benzina o con il diesel o ancora con gas e metano. Tutto aumenta, tutto fa parte, almeno è quello che sembra di una serie di attacchi quotidiani che scuotono il cittadino e ne fanno ciò che vogliono. Un momento storico che definire delicato sarebbe forse troppo poco. I primi spiragli di miglioramento della situazione generale potrebbero vedersi nel 2024, nel frattempo, in qualche modo tocca arrangiarsi.

Non solo la crisi però. Altre dinamiche tormentano i cittadini ogni giorno. Il rischio di essere fregati ad esempio. In che modo? In qualsiasi. Sul web, attraverso sms o mail. Identità rubate, conti bancari violati, tutto insomma, i rischi sono ovunque, cosi come chiaramente quelli che i rischi in qualche modo li alimentano, parliamo dunque dei truffatori, quelli che per mestiere, se cosi si può dire, ambiscono a sfruttare il prossimo per un proprio tornaconto economico e non solo.

Rischio al volante sempre costante: ecco cosa sta succedendo in alcune città italiane

Quello che è successo in alcune città ha davvero dell’incredibile. Nuove modalità di truffa che hanno lasciato a bocca aperta un po’ tutti. I malintenzionati insomma si aggiornano, lavorano a nuove idee, addirittura potrebbero formarsi, prendere spunti da chissà quali situazioni. Certo è che sempre più spesso questi sono protagonisti di situazioni surreali, alle quali si da vita per trarne il massimo vantaggio. Chiaramente le vittime prescelte sono loro, sempre loro, i cittadini.

La dinamica dell’ultima trovata ha dell’incredibile. Il tutto avviene ai semafori dislocati nelle varie città. L’auto della vittima è ferma, c’è il rosso. Due complici distraggono l’automobilista con domande o chissà cosa, un terzo complice dall’altra parte apre lo sportello lato passeggero e sottrae il borsello del malcapitato. Il tutto però, almeno per quel che riguarda un singolo caso avvenuto a Roma si è concluso male per i malintenzionati in questione.

In zona San Paolo infatti la vittima designata dai truffatori in questione era un anziano automobilista 86 enne. Il copione sempre lo stesso, due che distraggono l’alto che sottrae il borsello o ciò che trova. La Polizia del posto, probabilmente già informata delle dinamiche che prendevano vita in quel luogo ha interrotto la stessa messa in scena, arrestando uno dei malintenzionati pronti ad entrare in azione.

Nel caso dell’anziano automobilista, il rischio è stato davvero grande. L’uomo infatti aveva appoggiato sul sedile del passeggero accanto a lui sia i suoi documenti che il suo portafogli, il colpo sarebbe andato alla grande per i malintenzionati insomma se non fosse intervenuta prontamente la Polizia. Il malvivente fermato è stato successivamente identificato. Si tratta di un cittadino di origine cubana di 56 anni. Risponderà di furto aggravato in concorso. Le indagini intanto proseguono nell’intento di risalire ai due complici dell’uomo arrestato mentre provava a truffare, a derubare, l’ennesimo inerme cittadino.