Acqua minerale in bottiglia, ora fa davvero paura: famiglia in ospedale, a cosa stare attenti

Negli ultimi tempi molte storie hanno riguardato la pericolosità di molti alimenti abitualmente presenti sulle nostre tavole.

I problemi relativi alla qualità dei cibi che quotidianamente mangiamo o che comunque riempiono in un modo o nell’alto le nostre tavole non hanno fine. Giorno dopo giorno le cronache ci raccontano di sempre più casi in cui un determinato articolo sia stato coinvolto in una vicenda poco comprensibile, e del resto poco immaginabile. La realtà dei fatti è questa, il rischio è ormai quotidiano.

acqua bottiglia
Foto © AdobeStock

I fatti raccontati dalle cronache degli ultimi tempi ci parlano del rischio sempre maggiore rispetto all’integrità dei prodotti che riempiono e caratterizzano le nostre tavole. Nel corso dei mesi appena trascorsi, infatti, nessuna categoria di bene alimentare si è di fatto salvata, è giusto dirlo, dalla presenza di elementi dannosi per l’organismo. In almeno un caso, la maggior parte delle categorie in questione sono risultate per l’appunto coinvolte in tali dinamiche.

Dolci di ogni tipo, snack, gelati, biscotti, e poi ancora cibi precotti, bevande, prodotti salati e tanto altro ancora. Nei mesi scorsi, proprio tali prodotti sono stati protagonisti di storie che hanno colpito non poco la pubblica opinione. Immaginare di correre rischi concreti per il proprio organismo assumendo prodotti abitualmente presenti nel nostro quotidiano è una dinamica che di certo non piace ai cittadini. Il tutto insomma provoca non pochi dubbi sulla reale condizione di sicurezza legata alla categoria alimentare al giorno d’oggi.

L’ultima vicenda, in ordine di tempo raccontata dalle stesse cronache riguarda una intera famiglia italiana finita al pronto soccorso dopo aver assunto la più innocua delle bevande, se cosi possiamo dire. Chiaramente stiamo parlando dell’acqua. Il tutto è successo nei pressi di Rieti dove per un intero nucleo familiare è stato necessario il trasporto al pronto soccorso dell’ospedale de Lellis. Stato febbrile e condizioni riconducibili ad una intossicazione alimentare.

Il rischio è nelle acque: la ricostruzione dei fatti pone un sano dubbio nei cittadini

Secondo quanto emerso dalle indagini successive al fatto in questione la causa è figlia dell’ingerimento di acqua oligominerale naturale in bottiglia di un noto marchio comunemente venduto in tutti i supermercati del paese. La notizia ha fatto chiaramente sobbalzare i cittadini che mai avrebbero immaginato di poter rischiare la salute bevendo acqua imbottigliata. Non solo la famiglia protagonista della vicenda è finita al pronto soccorso. Un altro gruppo di persone, sempre della stessa zona che aveva acquistato l’acqua presso lo stesso punto vendita ha avuto problemi di intossicazione.

I protagonisti della vicenda, tutti, non sono ovviamente in pericolo di vita ma altrettanto chiaramente saranno monitorati nel corso dei giorni seguenti per. Il tutto servirà a stabilire nel migliore dei modi le cause dell’intossicazione sopraggiunta, andando quindi ad identificare nello specifico il lotto del prodotto in questione che ha causato il tutto.

Tale operazione servirà tra l’altro ad isolare il lotto specifico per salvaguardare la salute di altri potenziali compratori. Il rischio insomma è enorme e potrebbe riguardare potenzialmente migliaia di cittadini in quella specifica zona del paese e non solo.

Si indagherà quindi sullo stato di conservazione dell’acqua per accertare l’esatta causa del quadro clinico-sintomatologico riportato dai soggetti coinvolti. Inoltre si monitorerà la qualità chimico-fisica dell’acqua per chiarire se tutto sia assolutamente riconducibile al prodotto in questione. La situazione insomma appare molto critica ed i prossimi giorni saranno assolutamente decisivi per chiarire del tutto l’intera dinamica.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Nel frattempo i cittadini chiaramente scossi dalla notizia attendono di conoscere l’esito delle indagini per capire se è giusto preoccuparsi anche di ciò che acquistano al supermercato, anche se si tratta di “semplice” acqua minerale. I tempi che viviamo continuano ad apparire più duri e complessi che mai.