Il climatizzatore è ormai un obbligo: risparmiare però diventa una sfida

Il caldo, l’afa, il particolare momento climatico impongono quasi la scelta di acquistare un climatizzatore.

Gli ultimi anni hanno segnato temperature record praticamente in ogni parte del mondo. Il caldo, se possibile, al giorno d’oggi si combatte soltanto con l’installazione di un climatizzatore, ormai tra gli elettrodomestici più ricercati dai cittadini. Chiaramente il tutto comporta un impego economico non indifferente se si considerano anche i consumi che mediamente si producono ogni giorno.

bonus condizionatore
adobe

Il consumo medio di un climatizzatore dipende da una serie di fattori che combinati tra loro possono dare vita a differenti importi da pagare a fine mese. Ovviamente quello più rilevante è il tempo di utilizzo dello stesso apparecchio, da prendere in considerazione c’è poi il particolare modello installato, la potenza, la classe energetica ed il costo dell’energia determinano alla fine quelli che sono i consumi medi in termini anche e soprattutto di denaro dello steso strumento.

Altro tasto dolente che possiamo ritrovare chiaramente nel modello di climatizzatore utilizzato, riguarda l’impatto ambientale, la questione della classe energetica, la possibilità dunque di utilizzare uno strumento che non danneggia particolarmente l’ambiente circostante. Al primo posto però, cosi come anticipato c’è la durata del consumo quotidiano dello stesso climatizzatore. Tutto insomma gira intorno a pochi determinanti fattori.

Il climatizzatore è ormai un obbligo: come fare per risparmiare sulla bolletta e non solo

Per utilizzare al meglio il nostro climatizzatore si potrebbero seguire una serie di consigli generalmente rivolti ai consumatori. Si pensa ad esempio all’efficienza stessa della macchina installata. L’etichetta energetica in questo caso aiuta il cittadino a conoscere al meglio le potenzialità dell’elettrodomestico acquistato. La classe di efficienza: A+++, A++, A+, A, B, C, D e non solo. In questo caso leggiamo la potenza nominale in kW, il rumore dello stesso apparecchio ed il consumo kWh/annuo. Nel caso di uno strumento tutto nuovo le differenze sui costi e sui consumi chiaramente superano il 30% rispetto ad un vecchio modello.

I climatizzatori di ultima generazione poi sono dotati di inverter. I vecchi lavoravano insomma al massimo della potenza dall’accensione fino allo spegnimento, i più recenti, per l’appunto quelli dotati di inverter regolano la potenza in base a quelle che sono le reali necessità dell’ambiente circostante. In parole povere una volta raggiunta la temperatura ideale l’apparecchio diminuisce la propria potenza con tutti i vantaggi che ne derivano per il cittadino.

Installare oggi un climatizzatore a risparmio energetico può voler dire accedere a detrazioni fiscali del 50% per le ristrutturazioni edilizie (Bonus Casa), di quelle del 65% per le riqualificazioni energetiche (Ecobonus) o degli incentivi del nuovo Conto Termico 2.0. Da segnalare inoltre l’offerta Climatizzatori Plenitude con la campagna ClimaNoStress. In pratica la campagna rende possibile la sostituzione del vecchio climatizzatore con un modello nuovo e maggiormente efficiente utilizzando per l’appunto gli specifici bonus a disposizione.

Il modello prescelto chiaramente deve essere installato da tecnici specializzati che conoscono bene le varie dinamiche delle quali è assolutamente necessario tenere conto. La pulizia e la manutenzione dello stesso climatizzatore inoltre deve essere affidata allo stesso tempo a persone del mestiere, professionisti esperti che possano in qualche modo ottimizzare in ogni situazione la macchina installata in casa vostra. Un filtro sporco ad esempio può ostruire il flusso d’aria con gli sprechi e gli alti consumi che ne derivano.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Per difendersi dal caldo il consiglio da seguire è quello di impostare la temperatura interna a pochi gradi sotto la temperatura esterna. In questo caso si può risparmiare sui consumi, non far lavorare troppo la stessa macchina e difendersi dal calore. Immaginare infine la questione dell’umidità, prenderla per lo meno in considerazione. Non è solo dal caldo che ci si difende ma anche e soprattutto proprio dall’umidità. Considerando tutti questi fattori il vostro climatizzatore renderà al massimo con consumi decisamente contenuti.