Sconti e costi zero per concerti, stadi e cinema: con la Legge 104 è possibile

I titolari di Legge 104 possono approfittare di sconti ed esenzioni per il biglietto di concerti, eventi negli stadi e cinema? 

Vediamo quando e come si possono ottenere agevolazioni economiche per assistere a spettacoli di varia natura.

sconti esenzioni Legge 104
Adobe Stock

La normativa italiana tutela i titolari di Legge 104 con disabilità riconosciuta. Nello specifico riserva loro una lunga lista di agevolazioni di natura economica e assistenziale per facilitare le cure e l’interazione sociale. Proprio per consentire di vivere una vita al pari di ogni altra persona normo-dotata, sono previste sconti per accedere a palazzetti, stadi, eventi sportivi e gare in genere se si ha la titolarità della 104. I benefici si rivolgono sia ai diretti interessati che ai caregiver accompagnatori. Le esenzioni, invece, vengono predisposte dagli enti locali e non sono obbligatorie. Scopriamo, dunque, quali prestazioni legate al divertimento si affiancano ai numerosi benefici ben noti come le detrazioni fiscali per l’acquisto dell’auto, l’esenzione dal pagamento del bollo auto o l’IVA al 4%.

Sconti ed esenzioni per eventi sportivi, quando sono concessi

I titolari di Legge 104 hanno diritto a sconti e agevolazioni per accedere agli stadi e assistere a gare ed eventi sportivi. La normativa include tra i beneficiari i titolari di 104, i caregiver, le persone affette da specifiche malattie e i portatori di handicap. Quest’ultimi dovranno avere una percentuale di invalidità del 100% per ottenere gli sconti. Il caregiver, invece, per ottenere l’agevolazione dovrà dimostrare di appartenere ai servizi di assistenza socio-sanitaria.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Quando l’ingresso è a costo zero

L’esenzione dal pagamento dei biglietti per cinema, concerti, partite allo stadio non è obbligatoria per Legge. La decisione finale spetta all’organizzatore dell’evento. L’ente può, infatti, decidere di azzerare il costo del biglietto per i titolari di 104, caregiver e portatori di handicap o solamente per una di queste categorie. Allo stesso modo può optare per l’applicazione di riduzioni in piena autonomia. L’obbligo della gratuità persiste solamente nei musei mentre in relazione al trasporto pubblico sono previsti sconti ma non esenzioni. Ricordiamo, infatti, la possibilità di richiedere la Carta Blu dedicata alla persona con disabilità titolare dell’indennità di accompagnamento. La card permette di acquistare un biglietto unico al costo base valido per un viaggio in treno sia per il titolare di 104 che per il caregiver. La carta ha validità 5 anni e per richiederla occorrerà inoltrare domanda – completa della documentazione necessaria – alla ASL di competenza.