Pagamento del Bonus 200 euro: le tempistiche categoria per categoria, facciamo chiarezza

Il pagamento del Bonus 200 euro seguirà tempistiche differenti a seconda della categoria beneficiaria. Scopriamo quando si riceveranno i soldi.

Dopo tanto parlare è il momento di conoscere esattamente quando arriveranno i pagamenti del Bonus una tantum da 200 euro.

pagamento Bonus 200 euro
Adobe Stock

Giorno dopo giorno sono giunte maggiori informazioni sul Bonus 200 euro che il Governo ha deciso di erogare contro i rincari del 2022. La platea dei beneficiari è stata definita raccogliendo lavoratori dipendenti, pensionati, autonomi, lavoratori dello spettacolo, colf e badanti, percettori di Reddito di Cittadinanza e disoccupati. Una circolare INPS ha reso noti i requisiti di accesso per ogni categoria sottolineando, così, una distinzione tra chi riceverà il Bonus automaticamente e chi, invece, dovrà inoltrare domanda. Proprio questa diversa modalità di erogazione comporterà una differente tempistica nel versamento. Alcuni percettori riceveranno la misura a luglio, altri dovranno attendere fino ad ottobre.

Pagamento Bonus 200 euro, le tempistiche

I lavoratori dipendenti, i pensionati e i lavoratori del mondo dello spettacolo riceveranno il Bonus automaticamente a luglio. I dipendenti, nello specifico, troveranno i 200 euro nella busta paga relativa al mese di luglio ma bisogna tener conto di alcuni dettagli. L’indennità potrebbe arrivare nella busta paga erogata a luglio 2022 di competenza di giugno 2022 in caso di singoli rapporti di lavoro, come i ciclici o part-time e delle previsioni del CCNL con denuncia Uniemens effettuata entro il 31 luglio. In alternativa, i 200 euro verranno erogati nella busta paga di agosto relativa alla mensilità di luglio con  denuncia Uniemens effettuata entro il 31 agosto 2022.

Tutti i pensionati, invece, hanno già ricevuto il Bonus nel cedolino di luglio erogato nei primi giorni del mese. Luglio sarà, poi, il mese del versamento per i percettori del Reddito di Cittadinanza che riceveranno i 200 euro insieme alla ricarica mensile. Un’altra categoria che non ha bisogno di inoltrare domanda di accesso alla misura è quella dei disoccupati percettori NASPI, DIS-Coll e disoccupati agricoli. Nonostante l’erogazione automatica, però, l’attesa durerà fino ad ottobre, mese in cui è previsto il versamento del Bonus una tantum. Stesso discorso per i beneficiari delle ex indennità Covid 2021.

Chi dovrà attendere il mese di ottobre

Il pagamento del Bonus 200 euro è previsto ad ottobre per le categorie che dovranno inoltrare domanda (tranne le eccezioni precedentemente citate). La richiesta deve essere avanzata dai lavoratori autonomi senza partita IVA e non iscritti a forme previdenziali obbligatorie, lavoratori stagionali, a tempo determinato e intermittenti, gli incaricati alle vendite a domicilio, i lavoratori iscritti la Fondo pensione lavoratori dello spettacolo, i titolari di rapporto di collaborazione continuativa e coordinata e i lavoratori autonomi e professionisti iscritti alle Gestioni Previdenziali INPS (si attende un Decreto Ministeriale con i dettagli dell’erogazione per quest’ultima categoria).

La domanda dovrà essere inoltrata entro il 30 settembre 2022 accedendo all’apposita piattaforma. Prima si procederà con l’invio, prima sarà possibile – per alcune categorie – ricevere l’importo spettante. Ricordiamo, in conclusione, che se si prevede di superare il reddito annuo di 35 mila euro nel corso del 2022 è inutile richiedere il Bonus perché, poi, sarà necessario restituirlo.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità e legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:


  1. Telegram - Gruppo base