Multe stradali, il trucco (legale) per non pagarle: in pochi lo sanno

Buone notizie per molti automobilisti che grazie a questo trucco che in pochi conoscono possono non pagare le multe. Ecco in cosa consiste.

Ottenere l’annullamento delle multe stradali e in questo modo non pagarle è possibile. Ma come funziona? Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

come non pagare le multe
adobe

Alimentazione, istruzione dei figli, pulizia della casa e chi più ne ha più ne metta. Sono davvero molti e diversi i costi con cui dover fare i conti e che hanno un impatto non indifferente sul bilancio famigliare. Se tutto questo non bastasse, si rischia anche di dover fare i conti con spese impreviste, come ad esempio le multe.

A tal proposito abbiamo già visto come sia importante prestare attenzione alle novità del Codice della strada in quanto vi sono alcuni errori che possono costare davvero molto caro. Ma non solo, sempre in tale ambito interesserà sapere che giungono buone notizie per molti automobilisti che grazie a questo trucco che in pochi conoscono possono non pagare le multe. Ecco tutto quello che c’è da sapere.

Multe stradali, non pagarle è possibile: tutto quello che c’è da sapere

Come già detto giungono buone notizie per molti automobilisti che grazie a questo trucco che in pochi conoscono possono non pagare le multe. Ma in cosa consiste? Ebbene, come riportato su Trading, è importante prestare attenzione al fattore tempo della notifica.

A tal proposito bisogna innanzitutto ricordare che stando a quanto previsto dalla normativa vigente, in caso di violazione di una norma del Codice della Strada, le forze dell’ordine devono contestarla immediatamente.

Ove questo non sia possibile, come ad esempio in caso di rilevazione di un eccesso di velocità tramite autovelox, allora il verbale può essere notificato presso l’abitazione del trasgressore.

Ebbene, proprio in tal caso è importante stare attenti alle tempistiche, in quanto la violazione deve essere notificata entro 90 giorni. Se ciò avviene dopo, allora il soggetto interessato può chiedere il relativo annullamento e quindi non pagare la multa.

Multe stradali, non pagarle è possibile: occhio ai vizi

Oltre alle tempistiche, bisogna sapere che una multa può essere annullata nel caso in cui siano presenti vizi o irregolarità. In particolare è bene ricordare che nel verbale devono essere indicati i motivi per cui le forze dell’ordine non hanno potuto contestare l’infrazione nell’immediato. Ma non solo, devono essere ben indicati la data, l’ora, il luogo dell’infrazione e le norme violate.

Come è facile immaginare, inoltre, i dati devono essere corretti. In caso di violazione del limite di velocità, inoltre, la multa deve indicare che la presenza dell’autovelox sia stata preventivamente segnalata con un cartello visibile.  Se questo è assente, ecco che la multa può essere annullata e anche in questo caso non pagata.

Multe stradali, non pagarle è possibile: come opporsi

Una volta visto in quali casi è possibile non pagare le multe, sorge spontanea una domanda: come fare ad opporsi e ottenere il relativo annullamento? Ebbene, diverse sono le strade percorribili, ovvero:

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo
  • ricorso in autotutela presso la stessa autorità che ha contestato l’infrazione attraverso una raccomandata con avviso di ricevimento;
  • rivolgersi al Prefetto, chiedendo l’annullamento della multa entro 60 giorni dalla notifica del verbale stesso;
  • ricorso al giudice di pace, entro 30 giorni dalla notifica del verbale di contravvenzione o del provvedimento prefettizio.

Il ricorso al giudice di pace, però, è importante sapere, non è gratuito e per questo è opportuno optare per questa soluzione solo in presenza di multe con importi particolarmente elevati o per cui comunque risulti necessario ricorrere ad accertamenti complessi, come l’audizione di testimoni oppure l’interpretazione di norme.