Sprint dell’Agenzia delle Entrate sui rimborsi 730: gioiscono i contribuenti

L’Agenzia delle Entrate rassicura i contribuenti. Il rimborso del 730 arriverà nella busta paga di luglio insieme al Bonus 200 euro.

Un mese ricco per i cittadini che hanno presentato la dichiarazione dei redditi. A luglio arriverà il rimborso IRPEF e il Bonus da 200 euro.

Agenzia delle Entrate rimborso 730
Adobe Stock

È il momento di belle notizie tra tante tragedie a cui siamo abituati ad assistere. I problemi economici, sociali, politici, ci perseguitano da svariati anni – la pandemia ha iniziato ad amplificare una crisi già in atto e ora la guerra in Ucraina ha aggiunto un nuovo carico – e tutti noi abbiamo bisogno di qualche attimo di pace per respirare aria di speranza. Il mese di luglio potrebbe rivelarsi un breve spiraglio di luce in mezzo a tanto buio. L’estate incalzante, le vacanze, le lunghe giornate da passare in compagnia, un aiuto economico importante se si uniscono nella stessa retribuzione il normale stipendio, il Bonus 200 euro, la quattordicesima per i lavoratori dipendenti e il rimborso IRPEF per chi ha un importo a credito.

L’Agenzia delle Entrate accelera con i rimborsi 730

In un comunicato stampa, l’Agenzia delle Entrate ha riferito che “si accelera sui rimborsi” con riferimento agli importi a credito da versare ai cittadini che hanno inoltrato in tempo la dichiarazione dei redditi. L’ente incita gli uffici territoriali a sbrigare le pratiche velocemente in modo tale da garantire i rimborsi del 730 nel mese di luglio. Allo stesso tempo spinge per dare uno sprint anche ai contributi a fondo perduto con l’obiettivo di “immettere liquidità nel tessuto economico” per far ripartire l’economia in Italia.

Il piano strategico mira a sostenere la popolazione tra i tanti rincari che da mesi gravano sulle spalle di famiglie e imprese. La puntualità è fondamentale per permettere ai cittadini di ottenere quanto spettante con i rimborsi del 730 nei tempi corretti, senza ritardi dovuti a rallentamenti nella procedura. Per velocizzare l’iter ogni comunicazione tra enti e contribuenti dovrà avvenire preferibilmente per via telematica utilizzando la posta elettronica oppure tramite raccomandata. Fondamentali, poi, i colloqui virtuali previsti con i nuovi servizi online.

Le tempistiche del rimborso

I contribuenti riceveranno il rimborso IRPEF in tempi diversi a seconda della data di inoltro della dichiarazione dei redditi. Chi ha agito entro il 31 maggio o nelle prime settimane di giugno potrà ricevere l’importo spettante già nel mese di luglio. Si allungano le tempistiche, invece, per chi ha atteso le ultime settimane di giugno o procederà a luglio con la compilazione del modello 730. Occorrerà attendere agosto/settembre per l’elaborazione della pratica e l’erogazione della somma a credito.

I contribuenti che aspetteranno la scadenza prevista per il 30 settembre, invece, riceveranno l’accredito solamente tra ottobre e novembre dell’anno in corso. Il mese di dicembre, infine, potrebbe essere il riferimento per tutti coloro che attendono un rimborso IRPEF dall’importo elevato, sopra i 4 mila euro.

Impostazioni privacy