Libretti Postali, oggi i soldi spariranno ma nulla è perduto: come recuperare le somme

Oggi avverrà l’estinzione dei Libretti Postali dormienti e i soldi accumulati spariranno per essere traferiti al Fondo Consap. È possibile recuperare il denaro?

I Libretti Postali inutilizzati da più di dieci anni verranno chiusi ed estinti. I titolari devono risolvere il prima possibile questa situazione.

Libretti Postali dormienti
Adobe Stock

Poste Italiane ha iniziato ad avvisare mesi fa i titolari di Libretti Postali dormienti della chiusura del prodotto di risparmio con successiva estinzione e trasferimento delle somme presenti. Il riferimento è ai Libretti su cui non vengono effettuati movimenti da oltre dieci anni. Ricordiamo che i titolari possono versare somme di denaro, prelevarle e compiere altre operazioni per mantenere attivo il Libretto. Avendo compiuto anche una sola di queste attività a partire dal 30 novembre 2021 (giorno della chiusura dei Libretti dormienti) si sarebbe potuto evitare che oggi, 21 giugno, il Libretto venisse estinto.

Libretti Postali estinti oggi 21 giugno 2022

Oggi, 21 giugno, è il giorno dell’estinzione dei Libretti chiusi lo scorso 30 novembre 2021. Per “salvare” i risparmi i titolari avrebbero dovuto recarsi in un Ufficio Postale per procedere con la rendicontazione del Libretto. Chi è in dubbio sulla chiusura del proprio prodotto può controllare la lista dei Libretti dormienti e verificarne la presenza o meno. La consultazione può avvenire presso un Ufficio Postale oppure tramite il portale di Poste Italiane. In alternativa è possibile chiamare il servizio clienti.

Per trovare il proprio Libretto sarà necessario indicare il numero identificativo dell’Ufficio Postale presso cui è stato aperto. Accorgendosi di avere un Libretto dormiente ed estinto, come è possibile procedere per recuperare i risparmi?

Come recuperare i risparmi trasferiti

I titolari di Libretti Postali che verranno chiusi oggi, 21 giugno, sono ancora in tempo per evitare l’estinzione con conseguente trasferimento dei risparmi al Fondo Consap. Basterà, come accennato, recarsi presso un Ufficio Postale per permettere il censimento anagrafico del prodotto. Il termine ultimo da rispettare è il 20 ottobre dell’anno in corso. Superata questa data il Libretto verrà estinto.

I clienti di Poste Italiane non devono preoccuparsi perché i risparmi trasferiti possono essere recuperati seguendo uno specifico iter. Si dovrà inviare una domanda di rimborso a Consap Spa scegliendo tra l’inoltro telematico e l’invio della richiesta utilizzando la raccomandata con ricevuta di ritorno da spedire alla sede della società. Il titolare del Libretto estinto ha dieci anni di tempo per rivendicare le somme perdute.