Allarme acqua minerale | Pensioni, 50 euro in più | Esenzione Canone Rai

Classifiche interessanti sulla qualità dell’acqua minerale in bottiglia. Ma novità arrivano anche sul fronte pensione. L’esenzione dal Canone resta standard.

 

Tempi propizi per le classifiche. Un sistema di raffronto particolarmente apprezzato, specie sul web, dove finiscono per spopolare i link riguardanti le varie top e flop.

Acqua minerale pensione Canone Rai
Foto: CC

Chiaramente, bisogna procedere con cautela. Esistono le graduatorie stilate dagli esperti e quelle più approssimative, basate magari sui trend del momento oppure sugli indici di gradimento dei consumatori. Nel primo caso, però, le classifiche rappresentano davvero un buon parametro di giudizio, specie se correlate all’acquisto di un prodotto. E questo vale per tutto, dagli alimenti alle creme solari. E, alla fine, anche all’acqua minerale. Un discorso toccato più volte e da sponde diverse, frutto di un dibattito fra coloro che si considerano fan della naturale, chi preferisce la leggermente frizzante e chi, invece, apprezza le corrispondenti reali della Bertier fantozziana. Trattandosi di uno dei prodotti più acquistati dagli italiani, anche se resta sempreverde la corrente di chi avversa il consumo di acqua in bottiglia, Altroconsumo ha pensato di stilare una graduatoria delle migliori e peggiori fra le marche d’acqua, prendendo in considerazione alcuni parametri.

Allarme acqua minerale

Gli esperti di Altroconsumo hanno preso in considerazione innanzitutto l’eventuale presenza di sali minerali, metalli e contaminanti all’interno dei campioni analizzati. Il risultato è stato abbastanza sorprendente. Non bisogna dimenticare che milioni di famiglie consumano acqua minerale in bottiglia, alimentando direttamente il dibattito sulla tutela dell’ambiente. Anche se, per la verità, le aziende hanno da tempo adottato soluzioni ad hoc per realizzare bottiglie in materiali interamente ecosostenibili. A ogni modo, su un novero così ampio di consumatori, Altroconsumo ha esaminato 75 marche fra le più vendute, confrontando sia i dati emersi dal contenuto che quelli riportati in etichetta. E i risultati sono stati pressoché speculari a quelli dello scorso anno: in cima alla classifica, con 73 punti, figura l’acqua Smeraldina Naturale, considerata di altissima qualità. Interessante notare che la stragrande maggioranza delle bottiglie non sia andata al di sotto della media qualità. Un’unica eccezione: la Fiuggi naturale, fanalino di coda a 49 punti. PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Allarme acque minerali: la lista delle peggiori e delle migliori in commercio

Pensioni, 50 euro in più

Sul fronte pensioni, il dibattito sul futuro dei trattamenti in ottica 2023 ha deviato dal percorso originario. L’obiettivo resta sempre ottenere un sistema che possa mettere il punto alla provvisoria Quota 102 e, al contempo, rafforzare gli strumenti a disposizione per equiparare le possibilità anche per i lavoratori pre-riforma Dini. Resta insoluto, tuttavia, il tema degli assegni bassi. Considerando che la maggior parte dei pensionati difficilmente sale sopra gli 800 euro, interesserà sapere che alcuni incrementi sono previsti quasi nell’immediato e riservati proprio a coloro che non raggiungono i 1.000 euro al mese. Le integrazioni agli assegni pensionistici sono riservati a coloro che più di tutti subiscono il contraccolpo degli aumenti dei tassi di inflazione (1,9% per il 2021). Con la rivalutazione degli assegni, già nel 2023 arriveranno assegni più alti rapportati all’incremento del costo della vita. Sul cedolino, spetteranno 50 euro in più con aumento dello 0,2% con conguaglio degli arretrati. PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Pensioni, in arrivo 600 euro subito e 50 euro in più al mese: chi ne ha diritto

Canone Rai, come ottenere l’esenzione

Non è un mistero che il Canone Rai non sia una tassa amata dagli italiani. Soprattutto per come è stata concepita. E il fatto che torni a essere un bollettino singolo, quindi una nuova scadenza da ricordare, non ha contribuito a migliorarne la reputazione fra i contribuenti. Ma il ripristino del bollettino a parte (quindi distaccato dalla fattura relativa all’utenza elettrica) non ha modificato l’accesso all’esenzione. La quale è prevista per delle categorie ben definite di cittadini che, però, sono tenuti a dimostrare di essere in possesso dei requisiti giusti per ottenere l’affrancamento dalla tassa. Terminata l’era del braccetto con la bolletta della luce, soprattutto per presa di posizione della Commissione europea, le modalità di riscossione non sono ancora state comunicate. PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Esenzione canone RAI: disdetta immediata se hai questa età

Tuttavia, per chi rientra nelle categorie potenzialmente esenti (militari, agenti diplomatici, anziani over 75 con reddito sotto gli 8 mila euro), sarà possibile effettuare disdetta. Andrà però compilato obbligatoriamente il Quadro A. Modello che proverà la presenza dei requisiti per essere esentati dal Canone e che andrà presentato per via telematica.