Poste, occhio alle tariffe: aumenti in vista per lettere, raccomandate e non solo, cosa sta succedendo

Occhio alle tariffe applicate da Poste Italiane. Aumenti in vista per lettere, raccomandate e non solo. Ecco cosa sta succedendo.

Non solo carburante e cibo, ma anche alcune tariffe applicate da Poste Italiane potrebbero a breve registrare degli aumenti. Ma di cosa si tratta? Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

poste aumenti 2022
Foto © AdobeStock

A partire dal Covid fino ad arrivare al conflitto tra Russia e Ucraina, sono davvero tanti i fattori che continuano purtroppo ad avere un impatto negativo sulle nostre vite e sulle nostre tasche. A peggiorare la situazione, poi, ci si mette il preoccupante aumento dei prezzi, con rincari del 43% che contribuisce, inevitabilmente, a ridurre il nostro potere di acquisto.

Proprio in tale contesto, inoltre, bisogna prestare attenzione anche alle tariffe applicate da Poste Italiane. Si prevedono, infatti, possibili aumenti per quanto riguarda lettere, raccomandate e non solo. Ma per quale motivo e soprattutto cosa sta succedendo? Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

Poste, aumenti in vista per lettere, raccomandate e non solo: tutto quello che c’è da sapere

Come già detto è bene prestare attenzione alle tariffe applicate da Poste Italiane. Questo in quanto si prevedono possibili aumenti per quel che concerne lettere, raccomandate e non solo. Ma per quale motivo e soprattutto cosa sta succedendo?

Ebbene, come riportato su Il Giorno, in seguito al via libera dall’Agcom per alcune voci, fra un po’ di tempo si assisterà ad un cambiamento del tariffario di Poste Italiane per il cosiddetto “servizio universale”.

Entrando nei dettagli la tariffa passerà da 1,10 euro a 1,20 euro per la posta ordinaria, ovvero lettere e cartoline rientranti nel primo scaglione di peso e  con destinazioni interne. Il costo per una raccomandata nel territorio del nostro Stato, invece, aumenterà a 5,60 euro.

Allo stesso tempo si registrano anche delle diminuzioni di prezzo. Ne è un chiaro esempio la ricevuta di ritorno la cui tariffa scenderà da 1,10 a 95 centesimi.  In base alle ultime indiscrezioni, inoltre, interesserà sapere che le nuove tariffe dovrebbero essere applicate nel corso delle prossime settimane.

Non resta quindi che attendere e vedere se e quando si dovrà effettivamente pagare di più per l’invio di cartoline, raccomandate e lettere con Poste Italiane.