Legge 104, c’è il Self per tutti: chi ha diritto allo sconto benzina

Chi usufruisce della Legge 104 rientrerà di diritto negli sconti sulla benzina. Un’iniziativa che mira all’inclusione, oltre che al risparmio.

 

Dopo qualche mese di emergenza assoluta, i costi del carburante sembrano aver trovato una stabilità. E, pur restando sostanzialmente alti, non sembrano compromettere troppo i risparmi degli automobilisti.

Benzina Legge 104
Foto © AdobeStock

Il Governo ha cercato di ovviare al problema, anche in prospettiva di una sua prosecuzione di durata ancora indefinita, incentivando le possibilità di accesso alle vetture a consumo elettrico o con motore ibrido. Un percorso che, soprattutto in virtù dei costi ancora elevati, si preannuncia lungo e complesso. Soprattutto per chi, a causa di condizioni particolari, vive già affrontando una precarietà economica e salutistica che rende necessarie già di per sé delle politiche assistenziali. Il riferimento, naturalmente, è a chi si trova in condizione di disabilità e, per questo, rientra nell’egida della Legge 104 (in base alla percentuale di invalidità riconosciuta). Per costoro, le indennità figurano anche nell’ambito dell’automotive.

Se da un lato vigono delle agevolazioni specifiche per l’acquisto di un’auto o per l’adeguamento della vettura alle condizioni del disabile, dall’altro è possibile accedere a degli sconti ad hoc per quel che riguarda proprio l’approvvigionamento del carburante. Un bonus a tutti gli effetti, in vigore già da un paio d’anni e confermata anche per il 2022. Il motivo è semplice: i rincari, per chi affronta già condizioni di vita estremamente complicate, vengono ammortizzati sotto forma di indennità o agevolazioni specifiche. Per questo, anche quest’anno, è stato riposizionato il bonus del self-service assistito. O meglio, il “Self per tutti”.

Legge 104, torna il Self per tutti: come risparmiare sulla benzina

Chi usufruisce dei benefici della Legge 104, potrà recarsi nei distributori di carburante aderenti all’iniziativa e usufruire degli sconti previsti su benzina, diesel e altre tipologie di rifornimento. Sono in tutto 430 le stazioni di servizio omologate, presenti di fatto in tutte le Regioni italiane. Lo sconto benzina, sotto la forma dell’iniziativa “Self per tutti”, è stato sottoscritto il 3 dicembre 2021 nell’ambito di un accordo tra la Federazione delle Associazioni Italiane delle Persone con lesione del midollo spinale (FAIP Onlus), l’Unione Petrolifera e i gestori rappresentanti delle associazioni di categoria. Senza contare che l’agevolazione è indirizzata sia agli stessi disabili titolari del veicolo che ai caregivers che si occupano di loro. Inoltre, gli sconti sono previsti sia in caso di self che di servizio da parte dell’addetto al rifornimento.

Fra i distributori aderenti allo sconto benzina figurano grandi nomi come Q8, Eni e Tamoil. Questo perché, oltre all’agevolazione in sé, si cerca di favorire l’obiettivo della promozione e dell’inclusione sociale, oltre che le pari opportunità e l’equità nell’accesso ai servizi. Il risparmio può essere abbastanza corposo, pari a circa 10 centesimi al litro. Un incentivo ulteriore ai progetti di inclusività, che si affianca a quelli già esistenti per i disabili nell’ambito del settore auto. Fra le agevolazioni già previste, infatti, figurano la detrazione Irpef del 19% sulla spesa sostenuta per l’acquisto di un’auto, con Iva agevolata al 4%. Per accedere agli sconti sulla benzina, basterà consultare l’elenco di Unione Petrolifera per trovare i distributori aderenti più vicini. Niente domanda né moduli: basterà fornire documentazione attestante lo stato di disabilità.