Pomodoro, il concentrato secondo gli esperti: ecco quello da acquistare

Gli esperti del Gambero Rosso hanno indicato quali marche di concentrato di pomodoro hanno raggiunto risultati eccellenti nei test.

 

Che si tratti di pelati, passata o concentrato, per gli italiani viva sempre la pasta col pomodoro. Una tradizione granitica nella storia gastronomica del nostro Paese e a ragione.

Concentrato di pomodoro
Foto © AdobeStock

E pensare che la famosissima bacca della pianta Solanum lycopersicum non è nemmeno endemica dell’Europa. Furono i primi navigatori transoceanici del Vecchio continente a portare al di qua dell’Atlantico i pomodori, che non impiegarono comunque molto a sbarcare nelle cucine nostrane, dapprima in quelle delle corti per poi successivamente raggiungere quelle del popolo. Il sapore e la versatilità dell’alimento è forse la vera chiave del successo: da soli o come condimento, a cubetti o a fette, fatti a sugo o utilizzati per la pizza, questi ortaggi fanno parte della schiera degli imprescindibili nell’ambito alimentare. A meno che, chiaramente, non comportino reazioni allergiche o (caso raro) non piacciano del tutto.

Come accade per i cibi più popolari, anche il pomodoro è attenzionato in modo estremamente dettagliato dagli esperti. Da un lato per preservarne le qualità, dall’altro per garantire la sicurezza di un ampissimo numero di consumatori. E il monitoraggio non avviene solo sull’ortaggio in sé (in tutte le sue varianti) ma anche sui vari derivati. Dalla passata ai pelati, fino al concentrato di pomodoro, ossia uno dei prodotti più utilizzati in cucina. Anche in questo caso, l’attenzione degli esperti finisce sulle varie marche reperibili nei nostri supermercati. È stato il Gambero Rosso, in particolare, a passarle in rassegna allo scopo di indicare quali siano effettivamente i marchi migliori, dopo aver effettuato una prova di assaggio.

Concentrato di pomodoro: le marche migliori secondo gli esperti

La strategia è abbastanza simile a quella utilizzata per altri prodotti. Tuttavia, questa volta è stato deciso di usare come parametri il gusto e la qualità, senza quindi far passare dal il concentrato dal laboratorio. Non è la prima volta che tale prodotto viene messo sotto la lente. Al 2021, ad esempio, risale il test della rivista tedesca Oko-Test, nota per le sue analisi sulla qualità dei prodotti, che aveva confrontato ben 20 marche per determinare se vi fosse la presenza di sostanze indesiderate. I risultati erano stati sorprendenti, con metà dei campioni che avevano presentato tracce di tossine da muffa. Fra questi, figurava anche un famoso marchio italiano, nei suoi lotti venduti in terra tedesca. Altroconsumo, invece, aveva attenzionato altre varianti del pomodoro allo stesso scopo. Niente di tutto questo stavolta.

La classifica di Gambero Rosso si è concentrata su altre prerogative, comunque utili per determinare quali, effettivamente, siano le marche migliori per un concentrato di pomodoro. Di fatto un consiglio per il consumatore, che peraltro mette in luce due marchi su tutti. Tudià e Casa Morana sono considerate le marche top in assoluto per quel che riguarda il concentrato di pomodoro. Aziende che spediscono prodotti in tutta Italia e che gestiscono il proprio mercato anche online. Le cose vanno comunque abbastanza bene anche per gli altri marchi: Bionaturae, Campo Largo, Così Com’è, Esselunga e Le Delizie di Mamma Puggia hanno raggiunto risultati estremamente soddisfacenti. Stesso discorso per Mutti, Ortolina, Smart e Valle dei Raccolti. Le marche che non hanno superato il test non sono state rese note.