Controllare l’usura delle gomme? Con questo trucco successo assicurato

Un problema che ogni tanto attanagli gli automobilisti portando spesso a numerosi dubbi circa la sicurezza in strada.

Quante volte guidando la nostra auto, o guardandola dall’esterno magari abbiamo l’impressione che qualcosa non vada per il verso giusto. Il terrore dei pneumatici sgonfi. Una sorta di tormento che spesso può costarci cattivi scherzi. Alcuni metodi per controllarne lo stato, stando a quanto si apprende girovagando sul web sarebbero addirittura infallibili.

Bonus Gomme
Adobe Stock

Spesso gli automobilisti non hanno modo di verificare l’effettiva qualità delle gomme, e quindi rischiano realisticamente parlando di restare con il dubbio almeno fino al raggiungimento di un area si servizio, al limite. Qualche trucco per evitare di raggiungere il tecnico della situazione con le sue varie strumentazioni però esiste davvero ed il web li suggerisce con la solita maestria. Il periodo poi è più che delicato considerato l’arrivo dell’estate.

Il codice della strada impone ad esempio il cambio di pneumatici da invernali ad estivi chiaramente nelle zone dove richiesto. Di conseguenza i pneumatici montati devono rispondere a determinate caratteristiche e standard: “Montati sugli autoveicoli, motoveicoli, ciclomotori, rimorchi e filo-veicoli devono essere in perfetta efficienza, privi di lesioni che possano compromettere la sicurezza“.

Controllare l’usura delle gomme? Il trucco che non ti aspetti con la moneta da 1 euro

Per verificare quindi l’effettivo stato di usura dei vostri pneumatici basterà servirsi di una moneta da 1 euro, almeno per quelli estivi. Applicando la moneta sulla riga centrale dovrà essere possibile vedere tutte le stelline presenti sulla stessa moneta per avere la certezza di pneumatici ancora ottimi da utilizzare. Discorso diverso invece per quelli invernali, chiaramente caratterizzati da una diversa struttura portante più che visibile. La modalità è la stessa.

La sola differenza consiste nella moneta da utilizzare, quella da 2 euro, proprio per il motivo di cui sopra. Stesso discorso, se le stelle si vedono allora il pneumatico è in buono stato, se invece si verifica il contrario è necessario al più presto sostituirlo. In alternativa si può acquistare un calibro di profondità, del prezzo di circa 10 euro con il quale misurare con precisione al millimetro lo spessore dei pneumatici, sia invernali che estivi.

A quel punto trarne le dovute conclusioni è un gioco da ragazzi, sostituire o meno i pneumatici sarà una scelta semplice, anche se più dolorosa per le vostre tasche. Verificare lo stato di usura delle vostre gomme insomma sarà un gioco da ragazzi, evitando dunque inutili rischi. La scelta poi dei nuovi pneumatici è chiaramente legata ad una serie di dinamiche personali che possono variare da automobilista ad automobilista.

Il consiglio degli esperti è quello di non rischiare di scegliere per la propria auto pneumatici di scarsa qualità magari risparmiando complessivamente soltanto pochi euro. La sicurezza al volante è sempre al primo posto. In questo caso, per la vostra auto, tutto può dipendere dall’aderenza della stessa vettura. Mai rischiare insomma e farsi consigliare da esperti del settore. Questo, uno dei consigli più preziosi in assoluto. Il web sa partorire, spesso ottime consulenze ad un prezzo, praticamente inesistente, per fortuna.