Arrivano i contributi fondo perduto, ma occhio alle date: entro quando inoltrare domanda

Buone notizie per molti che potranno beneficiare di importanti contributi a fondo perduto, ma occhio alle tempistiche. Ecco entro quando inoltrare domanda.

A breve in molti, purché in possesso di determinati requisiti, potranno beneficiare di contributi a fondo perduto. Ma chi ne ha diritto ed entro quando bisogna presentare apposita richiesta? Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

fondo perduto discoteche
Foto © AdobeStock

A partire dal Covid fino ad arrivare al preoccupante aumento generale dei prezzi, sono tanti, purtroppo, i fattori che continuano ad avere un impatto negativo sulle nostre esistenze sia dal punto di vista sociale che economico. Molti imprenditori, purtroppo, hanno dovuto abbassare le saracinesche delle proprie attività.

Riuscire a far fronte alle varie spese risulta, così, per molti sempre più difficile. Proprio in tale ambito, pertanto, interesserà sapere che giungono buone notizie per molti che potranno beneficiare di importanti contributi a fondo perduto. Ma chi ne ha diritto ed entro quando bisogna presentare apposita richiesta? Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

Contributi fondo perduto in arrivo: chi ne ha diritto e come funziona

Abbiamo già detto che in molti potranno beneficiare nel corso del 2022 di importanti contributi a fondo perduto, purché in possesso di determinati requisiti. Ebbene, come si evince dal Provvedimento Prot. n. 171638 del 18 maggio 2022, l’Agenzia delle Entrate ha di recente definito i termini e le modalità di richiesta per il contributo a fondo perduto.

Quest’ultimo, è bene sapere, è destinato alle attività che sono rimaste chiuse a causa delle restrizioni Covid. Entrando nei dettagli bisogna sapere che tale misura è rivolta solamente alle attività con codice ATECO 2007 93.29.10, ovvero discoteche, sale da ballo, night club e simili. Ma non solo, i soggetti interessati devono presentare anche altri requisiti.

Ad esempio devono aver conseguito ricavi di importo inferiore a 2 milioni di euro nel 2019 e registrato nel 2021 una riduzione del fatturato pari almeno al 30% rispetto al 2019. La partita Iva deve essere stata aperta prima del 27 gennaio 2022. Bisogna inoltre dichiarare che al 27 gennaio 2022 l’attività era chiusa per via delle restrizioni anti Covid.

Contributi fondo perduto in arrivo, entro quando inoltrare domanda: tutto quello che c’è da sapere

La trasmissione dell’Istanza, come si evince dal provvedimento poc’anzi citato “può essere effettuata a partire dal giorno 6 giugno 2022 e non oltre il giorno 20 giugno 2022“. L’Agenzia delle entrate “procede a ripartire, in egual misura per ciascun soggetto
beneficiario” a seconda di quante saranno le richieste che perverranno.

L’importo per ciascun soggetto beneficiario, è bene ricordare, non potrà superare il limite massimo pari a 25 mila euro. In seguito l’Agenzia delle Entrate controllerà le istanze e i requisiti dichiarati. Nel caso in cui il contributo in questione dovesse essere percepito in modo indebito, allora il Fisco provvederà al recupero delle relative somme, con tanto di sanzioni e interessi.

L’Istanza, ricordiamo, può essere trasmessa direttamente dal soggetto richiedente oppure tramite un intermediario. L’importante è ricordarsi di prestare attenzione alle tempistiche, in quanto si potrà procedere, come già detto, con la relativa richiesta solo dal 6 giugno 2022 fino al 20 giugno 2022.