Digitale terrestre, ancora problemi: ecco cosa vedono milioni di italiani

Una situazione che riguarda ancora purtroppo milioni di italiani. La rivoluzione per il momento non è vantaggio per tutti.

Il tanto atteso momento del lancio del nuovo digitale terrestre avrebbe dovuto significare letteralmente una rivoluzione nel settore. Ad oggi non tutte le fasi risultano di fatto completate e nonostante tutto ci sono milioni di italiani, di telespettatori che continuano ad avere problemi con la visualizzazione dei vari canali. Uno di questi è abbastanza comune e cosi come vedremo è anche abbastanza semplice da risolvere.

Digitale terrestre
Fonte Adobe Stock

La rivoluzione del digitale terrestre, annunciata un bel po’ di tempo fa ad oggi non risulta ancora, di fatto completata. Un cambio di impostazione, di tecnologia insomma, qualcosa che si attendeva realmente da tanto. Le frequenze da liberare per dare maggior campo al 5G della telefonia mobile e l’esigenza di passare ad una qualità superiore di visione, perchè anche di quello si tratta. Al momento però non tutti sono stati coinvolti dalla stessa rivoluzione.

Il problema forte è semplicemente la differenza ancora troppo marcata tra varie aree geografiche ma anche all’interno della stessa popolazione. Problemi di visione e di tenuta strutturale in alcuni casi, evidenziati ad esempio nel sud Italia. Problematiche anche per i cittadini più anziani, meno pronti chiaramente a gestire la stessa nuova tecnologia anche se tutto sommato di facile applicazione. Il problema più grande resta però quello legato alla ricezione del segnale con particolari tratti distintivi abbastanza evidenti in sede di visione.

Digitale terrestre, ancora problemi: ecco come risolve il fastidioso problema della visione a scacchi

Cosi come anticipato milioni di italiani continuano ad avere problemi legati a ricezione e di conseguenza visualizzazione dei canali del digitale terrestre. Ufficialmente il lancio ufficiale del nuovo sistema in maniera assolutamente capillare è previsto per gennaio 2023. Fino a quel momento si continuerà con le graduali coperture territorio per territorio. Una notizia fondamentale per i cittadini può arrivare ad esempio dalle indicazioni su come direzionare la propria antenna.

In questo il web può certamente dare una mano fornendo tutte le informazioni necessarie per avere dalla propria un segnale letteralmente ottimale con il quale godere di tutti i servizi offerti dal digitale terrestre. Il web offre ad esempio la possibilità di individuare i vari ripetitori verso i quali direzionare la propria antenna. Inserendo regione e provincia sull’apposito motore di ricerca infatti sarà possibile agganciare in maniera del tutto funzionale, al massimo delle potenzialità, il segnale in questione.

Per la ricerca sarà inoltre utile conoscere una serie di dati che serviranno ad orientare al meglio la vostra antenna. Con latitudine e longitudine da trovare il miglior strumento possibile è quello che utilizziamo praticamente ogni giorno. Google Maps. Utilizzare insomma l’applicazione per selezionare come segnaposto il ripetitore in questione e di conseguenza andare a cercarlo per indirizzare l’antenna in questione, niente di più semplice tutto sommato.

Sarà molto utile in questi casi stampare la mappa considerando che la posizione di Google è sempre orientata verso nord. Alla fine una serie di operazioni per perfezionare la posizione saranno più che mai opportune, comprendere per l’appunto la giusta posizione del ripetitore. Il digitale terrestre insomma rappresenta ad oggi una vera e propria rivoluzione. Non ancora compiuta, questo è vero, ma potenzialmente di grande impatto sulla popolazione. Certo, questo si può dire una volta completata l’opera, quindi, speriamo molto presto.