Monete, quella da 2 euro un vero gioiello: trovarla non sarebbe da tutti

Una delle monete maggiormente ricercate dai collezionisti di ogni angolo del mondo. Un pezzo raro, in euro, una vera chicca.

Ci sono esemplari di monete che salgono agli onori delle cronache per caratteristiche di certo non comuni. Spesso nemmeno siamo concretamente a conoscenza di cosa significhi avere tra le mani quella particolare moneta, quale potrebbe essere il suo valore effettivo, quali le caratteristiche per l’appunto che la rendono tanto speciale per milioni di collezionisti.

Monete lira

Numerose sono le monete che ad oggi, rovistando in un certo senso nella famiglia dell’euro da prendere eventualmente in considerazione nel caso in cui si volesse in qualche modo intraprendere la missione, perchè spesso di quello si tratta del collezionista. Monete di ogni serie e tiratura, caratteristiche e annate. Tutte hanno in comune come detto la famiglia certo ma non tutte valgono allo stesso modo, il ragionamento in merito è più che mai ovvio.

L’euro in vigore da 20 anni nella maggior parti degli stati europei, ad oggi rappresenta un vero e proprio porto sicuro per i collezionisti che provano ad attingere in quella miniera li. Esemplari in molti casi unici, paese per paese. Monete celebrative, commemorative. Pezzi assolutamente da collezione che spesso però valgono talmente tanto che non tutti possono in qualche modo nemmeno ambire a tale scenario. Le soluzioni però non sono tutte uguali.

Monete, quella da 2 euro un vero gioiello: attenzione insomma al Toro, sarà una sorpresa

Moneta 2 euro toro
Adobe

La moneta al centro ultimamente di una serie di riflessioni nell’ambito collezionistico è per l’appunto una di quelle da 2 euro, un taglio utilizzato generalmente dai vari paesi per ricorrenze, celebrazioni o eventi commemorativi. Gli esempi chiaramente si sprecano, Grace Kelly nel Principato di Monaco, l’ingresso dell’euro a San Marino, la Giornata mondiale della gioventù nello Stato del Vaticano. Eventi e monete dal valore spesso incredibilmente alto.

In questo caso siamo in Grecia, la moneta coniata raffigura un toro, un chiaro riferimento alla tradizione ed alla cultura ellenica. Il toro infatti ritratto rappresenterebbe il dio Zeus, trasformato nell’animale per non farsi riconoscere rapisce la fanciulla Europa. L’immagine in questione sarebbe tratta dal mosaico di Sparta del III secolo a.c. Le prime serie di monete con il toro greche portano una lettera particolare all’interno della tella centrale, la “s”. L’omaggio è a Suomi ossia Finlandia, paese che ha coniato le prime emissioni greche nel 2002.

La versione della moneta da 2 euro greca con il toro datata 2004 è certamente la più rara in assoluto. In ottime condizioni di conservazione l’esemplare può valere tranquillamente una cifra molto vicina ai 100 euro. Parliamo di monete dalla tiratura nemmeno troppo elevate, in annate successive le altre monete furono coniate con tirature molto più elevate e di conseguenza ad oggi non valgono molti soldi, anzi. Collezionisti di tutto il mondo insomma a caccia della moneta con il toro, simbolo della tradizione e ella cultura greca ed omaggio alla Finlandia, particolare non da poco.

Monete che ancora oggi fanno la storia insomma, esemplari per i quali spesso i collezionisti farebbero davvero di tutto. Situazioni incredibili, spesso inimmaginabili che invece rappresentano la vera e propria magia del mondo del collezionismo.