Spese mediche, richiesta di rimborso ai posti di partenza: come approfittarne

Spese mediche, è il momento di ottenere il rimborso presentando il modello 730 per la Dichiarazione dei Redditi. Vediamo la documentazione da fornire per non perdere un’occasione.

Le spese mediche sono detraibili al 19% mediante modello 730 solamente rispettando alcune condizioni. Scopriamo quali.

spese mediche rimborso
Adobe Stock

Maggio è il mese che apre le porte alla dichiarazione dei redditi, un documento fondamentale per i cittadini per portare numerose spese in detrazione. Il riferimento è alle spese di istruzione, alle spese funebri, a quelle veterinarie, per corsi musicali, per attività sportive, alle spese di ristrutturazione e del mutuo e alle spese mediche oltre che a numerose altre voci della lista. Soddisfacendo alcune condizioni sarà possibile ottenere un rimborso ma occorre prestare molta attenzione a non commettere errori durante la compilazione del modello 730 per evitare di incorrere nelle verifiche del Fisco e perdere il diritto alla detrazione. A tal proposito è utile chiarire i dettagli del rimborso delle spese mediche per l’anno 2022 con riferimento agli importi spesi nel 2021.

Spese mediche, cosa occorre sapere

L’Agenzie delle Entrate ha stilato una lista delle spese mediche da portare in detrazione. Citiamo le analisi, le visite specialistiche, le radiografie, le terapie, l’acquisto di farmaci con ricetta medica compresi i prodotti omeopatici, le visite mediche da un dottore generico, il trapianto di organi, interventi chirurgici e ricoveri brevi, l’assistenza infermieristica e riabilitativa, l’acquisto di dispositivi medici e attrezzature sanitarie e, infine, le prestazioni richieste a personale specializzato per l’assistenza diretta ad un soggetto malato.

Ogni spesa effettuata dovrà essere stata pagata tramite mezzo di pagamento tracciabile e per i costi dovuti a enti e dottori privati non passati dal Servizio Sanitario Nazionale sarà necessario allegare lo scontrino del pagamento alla fattura per poter usufruire della detrazione.

La documentazione da presentare

Fatture, scontrini, importi delle prestazioni di assistenza specialistica, prescrizioni mediche, ricoveri ospedalieri e certificati medici dovranno essere presenti nella documentazione da fornire a sostegno della richiesta di detrazione. Ricordiamo che le spese mediche sono detraibili solamente se il totale speso nel corso dell’anno precedente all’inoltro della dichiarazione (2021 per il 2022) è superiore a 129,11 euro. La detrazione del 19% viene applicata sulla parte eccedente. Se, ad esempio, le spese sostenute risultano pari a 500 euro, il 19% verrà calcolato sulla risultante della differenza tra 500 e 129,11 euro ossia 370,89 euro. Il rimborso sarà, dunque, pari a 70,5 euro. Il limite massimo annuo di spesa da rispettare è 15.493,71 euro. Superando tale limite sarà necessario dividere l’importo in quattro rate.

Dove inserire le spese mediche nel 730

Le spese mediche devono essere inserite nel quadro E all’interno della sezione “Oneri e Spese” differenziando E1 per le spese sanitarie e E2 per le spese di familiari non a carico affetti da patologie esenti. Per controllare tutte le spese sostenute è possibile accedere al portale sistemats1.sanita.finanze.it/portale/il-sistema-ts utilizzando le credenziali digitali (SPID, Carta di Identità Elettronica o Carta Nazionale dei Servizi).