Monete, la 10 lire che può valere quanto un’automobile nuova: qualcuno l’ha trovata

Monete che hanno scritto la storia del nostro paese. Hanno raccontato le fasi degli ultimi decenni della nostra Italia.

Alcune monete hanno il compito, l’onore si potrebbe anche dire di rappresentare il nostro paese praticamente decennio per decennio. In alcuni casi parliamo di monete che hanno camminato accanto alla storia di questa nostra Italia praticamente costantemente. Attraversando ogni momento, buio e felice di questo nostro paese. Gli esempi, in pratica si sprecano.

Monete antiche

Alcuni esemplari di moneta hanno il compito di accompagnare, cosi come anticipato il nostro paese in alcuni momenti assolutamente decisivi della sua storia. Ci ritroviamo quindi a discutere, riflettere, confrontarci su esemplari che letteralmente hanno fatto la storia del nostro paese, facendo veicolare immagini, simboli, allegorie che hanno in qualche modo caratterizzato le sorti del nostro paese. Oggi tutto ciò ha un valore spesso immenso.

Tra gli esemplari che ricordiamo chiaramente con maggior interesse troviamo quelli della vecchia lira. Parliamo di una moneta che per il numero di anni in cui è stata protagonista della scena detiene certamente alcuni record assoluti in quanto a valutazione degli stessi esemplari. Ha accompagnato l’Italia nel corso di tre diversi secoli. Oggi, più che mai sul mercato dei collezionisti è protagonista assoluta con esemplari di assoluto valore.

Monete uniche, che ancora oggi, se cosi si può dire, fanno girare la testa ai collezionisti di ogni parte del mondo. Situazioni spesso difficili da leggere ma che nascondono tutto lo spessore, il prestigio ed il fascino di una moneta letteralmente senza età. La vecchia lira rappresenta la quintessenza della valuta, in un certo senso, pezzi pregiati, artisticamente indimenticabili. Esemplari che hanno segnato i tempi, le epoche ed i ricordi dei cittadini.

Monete, l’esemplare da 10 lire che può valere anche 30mila euro se in ottime condizioni

10 lire 1850

Tra gli esemplari della vecchia lira, in assoluto di maggior prestigio troviamo senza dubbio quella coniata nel 1850 in oro dal taglio di 10 lire. Stiamo parlando di un esemplare appartenente a quelli del Regno d’Italia. Oro 900/1.000, diametro di 18 mm, peso di 3,22 g. Sul dritto possiamo trovare la testa di Re Vittorio Emanuele II con intorno la scritta  “VICTORIUS EMMANVEL II D.G. REX SARD. CYP. ET HIER.” traducibile in “Vittorio Emanuele II Per Grazia di Dio Re di Sardegna, Cipro e Gerusalemme”. In basso la lettera  “F”, l’iniziale dell’autore “Ferraris” e l’anno di coniazione, il 1850.

Sul rovescio invece possiamo trovare lo stemma di casa Savoia con la croce Sabauda con la corona reale ed il collare dell’Annunziata. Intorno due rami di lauro e la scritta “DVX SAB. GENVAE ET MONTISF. PRINC. PED. &”, traducibile in  “Duca di Savoia, di Genova e Monferrato, Principe di Piemonte, etc.” Troviamo poi il simbolo della Zecca di Stato ed il taglio della moneta. Coniata dalla Zecca di Torino in poco più di 2800 esemplari ed in quella di Genova in 600 esemplari con chiari simboli distintivi per le due diverse città.

La moneta coniata a Genova risulta alla luce dei fatti essere molto più preziosa di quella coniata a Torino per ovvi motivi. Nel 2009 tale esemplare infatti, l’esemplare torinese fu venduto a poco più di 8mila euro. La moneta coniata a Genova, invece, in un’asta datata 2015 fu venduta per circa 30mila euro, una cifra davvero incredibile. In entrambi i casi parliamo di esemplari in perfette condizioni di conservazione.

Monete che hanno scritto la storia del nostro paese insomma e che oggi scrivono quella del collezionismo mondiale. Vere e proprie perle dal valore inimmaginabile soltanto qualche decennio fa. Da ogni parte del mondo, flotte di collezionisti provano periodicamente a strappare ai legittimi proprietari queste piccole opere d’arte, a volte riuscendoci ed a volte fallendo. Il mondo del collezionismo oggi è in qualche modo rinato, complice il web ed una passione senza fine da parte di milioni e milioni di amanti incondizionati di preziose monete.