Monete, il taglio da 1 euro: è vero, può farvi comprare una nuova auto

Esemplari unici al mondo situazioni di assoluta eccezione che fanno in modo che niente sia davvero come ce lo immaginiamo.

Sul mondo del collezionismo spesso calano dubbi e complesse valutazioni, ci troviamo di fronte ad un contesto che difficilmente lascia trasparire certezze. Il più delle volte ritroviamo considerazioni e valutazioni che forse nemmeno più di tanto ci aspettavamo. Alcuni esemplari, ad esempio, possono essere considerati in un modo quando invece sono e valgono tutt’altro. Il discorso è molto semplice. Intorno a noi una miriade di piccoli gioielli.

Monete false
Fonte Adobe Stock

Quante volte abbiamo immaginato di trovare tra le nostre vecchie cose una moneta tanto preziosa da poter essere venduta ad un prezzo altissimo tale da produrre un ricco bottino da mettere da parte?? E’ il sogno nascosto di milioni di cittadini, collezionisti o meno. Nel caso specifico sono davvero molti gli esemplari che possono assicurarci simili situazioni e successive considerazioni. Badiamo ad esempio alla vecchia lira ed ai suoi preziosi cimeli.

Tra le monete più preziose ritroviamo senza dubbio quelle appartenenti alla mitica famiglia della lira. Una moneta, quella italiana capace di attraversare ben tre secoli. Parte dell’ottocento, tutto il novecento e l’inizio del duemila. Una accompagnando le sorti del nostro paese ha vissuto praticamente ogni tipo di situazione, la guerra, la dittatura, la ricerca della libertà, il boom, il progresso, la speranza, insomma davvero ogni passo.

Monete che hanno caratterizzato le vite di milioni di cittadini attraverso specifici tratti, colori, immagini. Quelle caratteristiche, insomma che fanno si che la stessa moneta riesca a valere poco o tanto diversi decenni dopo. Situazioni assolutamente inaspettate che obbligano di fatto, i proprietari di tali esemplari ad informarsi a comprendere quali margini realmente esistono per le monete di cui dispongono. Lira o euro il discorso poco cambia.

Monete, il taglio da 1 euro: il valore di certe monete raggiunge i 20mila euro

Moneta 1 euro valore

Situazioni davvero al limite che impongono la massima cura dei dettagli in un certo senso. Considerare aspetti che spesso nemmeno si conoscono in una determinata moneta vuol dire approfondire un discorso che bisogna a tutti i costi delineare. Oggi tra le monete dell’euro possiamo ritrovare numerosi elementi interessanti, caratterizzati chiaramente sempre da diverse modalità di conio oppure da evidenti errori in fase di produzione.

Tra gli esemplari di euro maggiormente considerati troviamo ad esempio quelli dello Stato del Vaticano, in alcuni casi con certe monete si possono realmente raggiungere cifre altissime con il minimo sforzo. Nel caso specifico ad esempio un mediamente raro esemplare con la rappresentazione di Giovanni Paolo II può tranquillamente valere 100 euro, senza nemmeno considerare troppi discorsi e confronti. Esistono poi altri esemplari, davvero molto preziosi, coniati, ad esempio, nel nostro paese.

Alcuni esemplari possono nascondere caratteristiche davvero uniche. Si parlava prima di errori di conio, di imperfezioni. Nel caso specifico possiamo considerare alcuni esemplari venduti su piattaforme di shopping on line, come ad esempio Ebay. L’esemplare di euro, caratterizzato ad esempio da numerosi errori conio. Fondo liscio invece che ruvido, simboli mancanti, immagine particolarmente in qualche modo diversificata. In alcuni casi certi esemplari sono venduti a cifre davvero incredibili. Solo in un caso si sfiorano i 20mila euro.

In certi casi la cosa migliore da fare, qualora si fosse interessati all’acquisto in questione è quella di rivolgersi ad un esperto del settore per una ulteriore valutazione dell’oggetto. Certe situazioni richiedono la massima valutazione di ogni rischio. Richiedono una condizione di estrema lucidità. Una moneta che viene venduta per 20mila euro di certo non può essere considerata come tutte le altre ed ha bisogno di una accurata fase di studio.

Valutare con cura le mosse da mettere in campo. Non pensare assolutamente di potersi fidare al 100% dello stesso venditore, il web si sa è spesso luogo di estremo rischio. Fidarsi invece di un professionista capace di valutare fedelmente l’oggetto in questione. Il resto, ad un certo punto dovrebbe essere in qualche modo in discesa. Se valido, l’affare potrebbe tranquillamente concretizzarsi. Il mondo del collezionismo insomma riserva sempre delle preziose ed inaspettate situazioni.