Cellulare intasato, il trucco infallibile: spazio libero in pochi click

L’utilizzo massiccio del cellulare fa inevitabilmente sì che, giocoforza, se ne intasi la memoria. Basta poco, però, per tornare in sella.

 

“Spazio esaurito” oppure “quasi pieno”. Il nostro cellulare ce lo ripete spesso, inutile negarlo. Colpa dell’uso che ne facciamo, tra fotografie, video, scambi di contenuti o semplicemente utilizzo delle applicazioni.

Cellulare trucco spazio
Foto © AdobeStock

Alla fine, la memoria del nostro dispositivo inizierà inevitabilmente a esaurirsi. Prima la cache, ossia l’archivio dei dati meno “pesanti”, pensato proprio per velocizzare l’uso del telefono. Svuotarla è un primo passo per alleggerire la memoria ma, spesso, non si rivela sufficiente. La manutenzione del cellulare, smartphone o iPhone che sia, è essenziale per il suo funzionamento. Una memoria satura comprometterebbe diverse operazioni e, soprattutto, limiterebbe le possibilità di archiviazione fino a renderle impossibili. In pratica, una volta piena la memoria, sarà meglio mettersi l’anima in pace: la fotocamera non scatterà più foto e un contenuto scambiato via WhatsApp non sarà visibile. Nemmeno mandare un vocale sarà consentito.

Inoltre, tutto lo smartphone ne risentirebbe. L’apertura dello spazio chiamate, della stessa WhatsApp, l’inoltro di file (fin quando possibile): tutto sarebbe rallentato dall’eventuale saturazione della memoria. Tenere un buon ritmo nella pulizia del proprio cellulare sarebbe saggio. Eliminare immagini o video di poca utilità è sicuramente il primo e decisivo passo per evitare il sovraccarico e, quindi, l’interruzione delle funzionalità. Tuttavia, il fatto stesso di utilizzarlo in continuazione, rende qualsiasi dispositivo vulnerabile all’inconveniente della memoria piena. E a quel punto, alleggerirlo senza l’aiuto di applicazioni esterne diventa difficile. Non impossibile però.

Cellulare pieno, come alleggerire la memoria senza app esterne

Non bisogna mai fidarsi delle apparenze. Spesso alcune applicazioni promettono faville ma, nel migliore dei casi, anziché alleggerire la memoria finiscono per appesantirla ulteriormente. Qualora si scelga “l’aiuto da casa”, in pratica, sempre meglio farlo rivolgendosi ad app ben conosciute e ben recensite piuttosto che tentare la via del rischio. Meglio ancora sarebbe agire senza installare ulteriori applicazioni sul proprio cellulare. Anche questo è possibile, anzi, a volte è persino più veloce. Per chi possiede un dispositivo Android 12 non dovrebbe essere una novità, poiché il procedimento si basa proprio su questo tipo di smartphone. Tutto semplice e accessibile: basterà andare sulle Impostazioni, quindi su Archiviazione e infine su Libera spazio. Da qui, il trampolino è abbastanza evidente.

Screenshot, file scaricati e di peso eccessivo: tutto può essere eliminato tramite questa semplice operazione, che consentirà anche un backup dell’account di Google Drive. In alcuni casi è presente anche l’opzione Suggerimenti per la pulizia, utile per eliminare i file residui e completare così il quadro. Inoltre, esiste anche un altro sistema per fare le pulizie sul proprio cellulare, più lungo ma comunque semplice. Bisognerebbe agire sulle varie applicazioni, svuotando cache e cancellando dati vari. Procedimento generico ma utile: da Archivio e memoria, basterà cliccare su Cancella cache e Cancella dati per procedere. Un’app alla volta, certo, ma alla fine ne varrà la pena.