Reddito di cittadinanza, superare il limite di prelievo è possibile: la verità che non ti aspetti

Occhio al reddito di cittadinanza! Superare il limite di prelievo di denaro contante infatti è possibile. Ecco in quale caso.

Buone notizie per i percettori di reddito di cittadinanza che potranno superare in determinati casi il limite imposto per il prelievo di denaro contante. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

reddito di cittadinanza limite
Foto © AdobeStock

Un periodo storico difficile, quello in cui ci ritroviamo a vivere, segnato da tutta una serie di eventi che continuano ad avere un impatto negativo sulle nostre tasche. Sempre più persone, purtroppo, hanno grosse difficoltà nel riuscire ad affrontare le varie spese. Proprio in questo contesto, pertanto, a rivestire un ruolo importante sono i vari aiuti economici messi in campo dal governo.

Tra questi si annovera il tanto discusso reddito di cittadinanza, introdotto dal governo a guida Conte al fine di garantire un sostegno alle famiglie alle prese con delle difficoltà finanziarie. Ebbene, proprio soffermandosi su tale sussidio interesserà sapere che in determinati casi è possibile superare il limite di prelievo mensile pari a 100 euro. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

Reddito di cittadinanza, superare il limite di prelievo è possibile: tutto quello che c’è da sapere

Abbiamo già visto che molti percettori di reddito di cittadinanza potranno beneficiare a maggio di una ricarica straordinaria. Ebbene, proprio soffermandosi su tale sussidio sono in molti a chiedersi se sia possibile o meno superare il limite di prelievo mensile. Quest’ultimo, ricordiamo, pari a 100 euro.

Ebbene sì, la risposta è affermativa. Prima di vedere in quale caso ciò risulta possibile, però, ricordiamo che il limite di 100 riguarda ogni singolo individuo beneficiario. Tale importo, infatti, va poi moltiplicato per il coefficiente di 0,40 per ciascun altro componente maggiorenne, e di 0,20 per ogni componente minorenne.

Tale risultato è quindi da aggiungere all’importo di 100 euro. In presenza di un coniuge, ad esempio, è possibile prelevare altri 40 euro, mentre per ogni figlio minorenne altri 20 euro. Il tutto fermo restando il limite massimo prelevabile pari a 210 euro mensili complessivi. Tale importo sale a 220 euro se nel nucleo famigliare è presente un disabile.

Reddito di cittadinanza, superare il limite di prelievo è possibile: ecco in quale caso

Ma non solo, in base a quanto si evince dalla circolare Inps numero 53 del 28 aprile 2022, è bene sapere che se un percettore di reddito di cittadinanza ha diritto anche all’assegno unico, allora quest’ultimo potrà essere prelevato in contanti, oltre i limiti poc’anzi citati. Il tutto, ricordiamo, fermo restando il limite giornaliero pari a 600 euro. Come sottolineato dall’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale con la circolare poc’anzi citata, infatti:

si precisa che, limitatamente ai soli accrediti riguardanti l’integrazione Rdc/AU, potrà essere superato il limite di prelievo mensile previsto dall’articolo 5, comma 6, del decreto – legge n. 4/2019, pari a 100 euro mensili per un singolo individuo, moltiplicato per la scala di equivalenza di cui all’articolo 2, comma 4, del medesimo decreto – legge, posto, in ogni caso, il rispetto dei limiti previsti dalla normativa in materia di antiriciclaggio. Pertanto, il prelievo di tali somme non potrà comunque superare il limite giornaliero di 600 euro, previsto per tutte le Carte “PostePay”.