Monete, l’euro che vale un anno di stipendio: è raro ma in qualche casa c’è

Monete che all’improvviso riscoprono potenziali incredibili grazie a piccole inesattezze. Ecco quali sono.

Esemplari di monete che nella maggior parte dei casi nemmeno si conoscono più di tanto, perle preziose affidate ad un mercato spesso surreale per la quantità di monete che vi circolano, ognuna con un proprio stile, proprie caratteristiche, tratti indiscutibili che riescono più che mai a valorizzare l’oggetto stesso. I collezionisti impazziscono per certe rarità.

Monete errore conio
Foto © AdobeStock

Come immaginare il mercato dei collezionisti? Un mondo dorato dove la realtà spesso supera la fantasia. Esemplari capaci di arrivare a valutazioni assurde semplicemente grazie a piccoli dettagli che forse pochi riescono a considerare, a notare. Spesso ci troviamo di fronte a situazioni, in questo campo nemmeno mai immaginate. Condizioni che spingono le varie monete, in base a quei tratti che le rendono uniche in tutto e per tutto.

Oggi più che mai a dettare i tempi di questo folle mercato è il web, la rete che grazie ai suoi innumerevoli spunti riesce a catapultare l’appassionato in una realtà parallela dove di fatto ogni cosa può sembrare possibile. Arricchire la propria collezione con esemplari unici al mondo è la missione di ogni collezionista che si rispetti. La cosa non è certo sempre semplice, anzi. Il più delle volte si tratta di vere e proprie sfide che tra l’altro non tutti possono permettersi.

Monete, 1 euro prezioso che vale più un anno di stipendio: 20mila euro per un esemplare unico

1 euro errori conio

Annunci di ogni tipo, esemplari di monete spesso nemmeno mai visionati dai vari collezionisti, frutto di errori di conio, di veri e propri difetti insomma. Tra questi spiccano sicuramente alcune monete di nuova concezione, parliamo chiaramente dell’euro, con una storia più che recente, appena 20 anni. L’esemplare da 1 euro coniato in Italia con l’Uomo Vitruviano di Leonardo Da Vinci ad esempio è capace di più di una sorpresa per gli appassionati di tutto il mondo.

La sfida per il collezionista, cosi come anticipato è chiaramente quella di portare a casa l’esemplare prezioso. Arricchire la propria collezione il più possibile, guardandosi anche bene dai possibili raggiri dello stesso web. Proprio per questo il parere di un esperto è sempre l’operazione da richiedere in certi casi. L’esemplare da 1 euro italiano presenta in alcuni casi, molto rari alcune imperfezioni. L’assenza della lettera che simboleggia la Zecca di stato, in quel caso ci troviamo di fronte ad un esemplare che vale di sicuro migliaia di euro.

Una lettera “S” invece presente sul bordo della moneta per un chiaro errore di conio può invece valere tranquillamente, secondo il web ed i suoi annunci circa 20mila euro. Le stelle accanto all’Uomo Vitruviano portano poi l’esemplare a circa 12mila euro. Questo stando agli annunci sulle varie piattaforme utilizzate dai collezionisti. Esemplari unici insomma capaci di fare la storia. Pezzi da collezione che non temono confronto e raggiungono valutazioni assolutamente inimmaginabili.

Il web risorsa ma anche rischio quindi. Le truffe abbondano, si sa, cosi come in ogni settore ed è li che il collezionista è più scoperto. Conoscenza, fiuto e sangue freddo però possono sempre venire in soccorso dell’appassionato di turno, oltre chiaramente al parere di un esperto del settore.