Whatsapp, scatta l’allarme: cosa può succedere ai numeri di telefono

Bufera Whatsapp: molti numeri di telefono di utenti italiani sono finiti in vendita online. Cosa bisogna fare per verificare se c’è anche il proprio 

Tra i dati rubati figurano oltre che le combinazioni telefoniche, anche nomi e cognomi di proprietari degli account. Circa 19 milioni di italiani sono coinvolti in questo furto.

Whatsapp
Fonte Adobe Stock

Ciclicamente c’è sempre una grana da sbrigare per Whatsapp. Dopo un 2021 piuttosto tumultuoso dovuto alla diatriba inerente la normativa sulla privacy, ecco che arriva un’altra grana anche nel 2022.

RedHotCyber ha segnalato un imprevisto che potrebbe dare vita a numerosi problemi agli utenti italiani e non solo. Cerchiamo di capire cosa è successo nello specifico e quali sono gli scenari a cui si può andare in contro in questa fase.

Whatsapp: ecco perché molti numeri di telefono sono in vendita in rete

Si tratta di un maxi furto di dati sensibili (circa 19 milioni appartengono a cittadini del Bel Paese) che comprende oltre i numeri telefonici, anche i nomi e cognomi delle persone coinvolte. Dunque oltre al danno c’è il serio rischio di incorrere anche nella beffa.

I dati sono aggiornati a gennaio 2022 e vista l’alta mole di account coinvolti (praticamente un italiano su tre), la preoccupazione è piuttosto lecita. I malintenzionati potrebbero utilizzarli per attuare le loro losche truffe tramite sms con la tecnica del phishing o inserirli su database deleteri.

Non esiste una soluzione per rimediare a questa incresciosa situazione. In caso di coinvolgimento non si può fare altro che cambiare numero di cellulare su Whatsapp. Una violazione dei dati di questa entità non si era mai registrata nella storia della nota applicazione di messaggistica istantanea. 

Dunque, chiunque dovesse ricevere messaggi o chiamate sospette in questa fase è pregato di effettuare con ancor più meticolosità tutte le verifiche del caso. Evitare di cliccare link e di rispondere a queste comunicazioni, può essere di certo un viatico importante per tenersi al riparo.

Tornando però a chi si è visto sottrarre il proprio numero, ha potuto appurare la veridicità della questione. Un utente infatti si è messo in contatto con il responsabile di tutto ciò, il quale gli ha girato oltre 5000 numeri con rispettivi nomi e cognomi. Un quadro davvero agghiacciante in cui sono ricompresi anche altri importanti nazioni come Stati Uniti, Francia, Spagna, Regno Unito, Olanda, Germania e Australia sono per citarne alcuni.