Lotteria scontrini, il successo arriva grazie all’arredo: il premio da sogno

Una delle iniziative più interessanti degli ultimi anni, spesso macchiata però da storia non proprio limpide e gradevoli.

La Lotteria degli scontrini insieme al cashback ha rappresentato una delle grandi novità dello scorso anno. Due iniziative legate principalmente alla lotta all’evasione fiscale. Pagamenti tracciabili, strumenti digitali da utilizzare, transazioni da effettuare esclusivamente con carta di credito o bancomat e la possibilità per i cittadini di riceverne enormi vantaggi.

Lotteria scontrini

Nel caso della Lotteria degli scontrini, in particolare, il procedimento di partecipazione era ed è di fatto molto semplice. La creazione di un account per ogni cittadino associato allo strumento di pagamento. Un codice prodotto per ogni utente. Ad ogni acquisto l’esercente in questione registra lo scontrino relativo alla vendita del prodotto in questione associandolo al codice utente. Una estrazione periodica tra gli scontrini emessi andrà a premiare successivamente il fortunato acquirente ed anche l’esercente. Tutto perfetto insomma, almeno in teoria.

In pratica spesso abbiamo letto, attraverso le cronache di esercenti poco inclini ad accettare pagamenti con bancomat o carta di credito, che addirittura chiedevano a parte le commissioni ai clienti. Abbiamo visto di problematiche legate ai premi assegnati, un po’ di tutto insomma. Nonostante ciò però la macchina per cosi dire, continua a funzionare e ad assegnare ricchi premi agli acquirenti fortunati. Ultimamente infatti proprio la fortuna ha baciato una donna fiorentina.

Lotteria scontrini, il successo arriva grazie all’arredo: 100mila euro con i mobili di casa

I funzionari statali hanno accertato la vincita della donna che nel fiorentino ha acquistato arredi per la propria casa. Lo scontrino derivante dalla transazione effettuata è stato estratto nel corso delle operazioni riguardanti la lotteria e di conseguenza alla donna è stata notificata la vincita di 100mila euro. Ogni tanto insomma il sistema funziona davvero, non come in una delle ultime situazioni in cui due premi non sono stati assegnati per uno scambio di bancomat, solo quello, tra moglie e marito. La transazione effettuata con bancomat della moglie associata all’account del marito. Premio non assegnato e causa in corso.

Dall’inizio delle estrazioni inerenti alla Lotteria degli scontrini i fortunati vincitori di premi grandi o piccoli sono stati circa 2mila. Il totale dei premi assegnati ha raggiunto la cifra di 35 milioni di euro nei primi tredici mesi si iniziativa. Premi settimanali e mensili per una dinamica che nasce per fronteggiare l’evasione fiscale ormai dilagante, fermare insomma i pagamenti in denaro contante. Non è ancora chiaro quanto in questo momento il Governo sia convinto di continuare su questa scia o se fare come per il cashback, congelare insomma tutto.

In quel caso, stessa logica, combattere l’evasione fiscale. Riconoscere al cittadino il ritorno del 10% di tutte le transazioni effettuate con bancomat e carta di credito. Il bonus da riscuotere una volta superata la soglia delle operazioni necessarie. Una iniziativa insomma che sembrava piacere agli italiani, convincente, conveniente, che realmente spingeva i cittadini ad utilizzare bancomat e carta di credito per ogni transazione. Lo stop improvviso dopo la prima edizione ha sorpreso per la verità un po’ tutti.

Oggi non è chiaro cosa succederà in futuro, se l’iniziativa potrà o meno essere riproposta. Oggi i dubbi ci sono, cosi come la consapevolezza che tutto sommato non si trattava, nel caso del cashback di una cattiva idea.