Inps, attenzione: oltre 500 euro senza Isee ai genitori che presentano questa domanda

Attenzione, l’Inps erogherà oltre 500 euro anche senza Isee ai genitori che presentano questa domanda. Entriamo nei dettagli e vediamo chi ne ha diritto.

Molti genitori si vedranno riconoscere dall’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale oltre 500 euro al mese, a prescindere dal valore Isee e senza limiti di reddito. Ecco tutto quello che c’è da sapere in merito.

assegno genitori figli
Foto © AdobeStock

A partire dal Covid fino ad arrivare alle possibili ripercussioni del conflitto tra Russia e Ucraina, passando per l’aumento generale dei prezzi, sono davvero tanti i fattori che continuano ad avere un impatto negativo in diversi ambiti, come ad esempio quello economico.

Sempre più famiglie, purtroppo, riscontrano delle serie difficoltà nel riuscire ad arrivare alla fine del mese. Proprio in tale ambito, pertanto, interesserà sapere che l’Inps erogherà oltre 500 euro anche senza Isee ai genitori che presentano questa domanda. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo chi ne ha diritto.

Inps, oltre 500 euro senza Isee ai genitori che presentano questa domanda: tutto quello che c’è da sapere

Abbiamo già visto che a partire dal 2022 in molti potranno beneficiare dell’assegno unico famigliare, ma occhio all’errore in quanto vi è un gesto che potrebbe costarvi caro. Sempre nell’ambito di erogazioni economiche a favore delle famiglie con figli, interesserà sapere che l’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale erogherà oltre 500 euro senza Isee ai genitori che presentano questa domanda.

Ma di cosa si tratta? Ebbene, si tratta dell’indennità di accompagnamento il cui importo, nel corso del 2022, bisogna sapere, è pari a 525,17 euro al mese. Questo trattamento economico viene erogato dall’Inps anche per i minori che necessitano di un’assistenza continua, a prescinde dal valore Isee e senza limiti di reddito.

Per poter beneficiare di tale misura, quindi, bisogna provvedere a presentare apposita domanda all’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale. Un’operazione, quest’ultima, che può essere svolta telematicamente sul sito dell’istituto, oppure rivolgendosi ad un Patronato. In seguito all’accertamento sanitario dell’impossibilità a svolgere attività tipiche della vita quotidiane, l’Inps provvederà ad erogare oltre 500 euro mensili.

Questo a prescindere dalla situazione reddituale del nucleo famigliare richiedente. Ricordiamo, comunque, che tale trattamento economico non è compatibile con l’indennità di frequenza ed è necessario che il soggetto minore non sia ricoverato presso istituti pubblici o a carico dello Stato.