Attenzione alle cianfrusaglie nascoste in soffitta: potresti essere milionario e non lo sai

Nella maggior parte dei casi nemmeno siamo consapevoli di cosa potrebbe nascondere la cantina di casa nostra.

Gli ultimi tempi ci forniscono un approccio davvero molto particolare rispetto a tutto ciò che in qualche modo appare datato. Abbiamo visto come, ad esempio, il web sia capace di trasformarsi in una sorta di amplificatore per particolari dinamiche. Mettere in vendita ad esempio qualsiasi oggetto, qualsiasi bene che in qualche modo abbia avuto l’opportunità di “vivere” qualche anno.

Soffitta oggetti
Adobe

I tempi che viviamo insomma, cosi come anticipato ci mettono di fronte a situazioni, condizioni che difficilmente saremmo stati capaci di ipotizzare ad esempio pochi anni fa. Ci rendiamo conto sempre di più di quanto siano importanti praticamente tutti gli oggetti che negli anni abbiamo utilizzato, acquistato, avuto insomma tra le mani. Una situazione difficile certo soltanto da immaginare, che oggi, però, prende sempre più forma e ci proietta in una realtà spesso condizionata proprio da queste schegge impazzite di passato.

Basta dare uno sguardo al web per notare quanto quello che ormai chiamiamo “vintage” sia diventato praticamente una delle attrattive principali del nostro tempo. Siti web dedicati, vere e proprie piattaforme capaci di diventare una sorta di auto riciclo di cose che ormai non utilizziamo più, e poi il proliferare di situazioni che per l’appunto mettono in risalto proprio la condizione essenziale. Oggetti datati, usati, pezzi di storia, di passato insomma, che tornano più decisi che mai.

Attenzione alla “robaccia” nascosta in soffitta: monete, francobolli, oggetti preziosi

Monete, banconote, fumetti, francobolli, oggetti, indumenti. Praticamente qualsiasi articolo, oggi potrebbe essere considerato fonte di ricchezza, potenzialmente. Abbiamo visto anche grazie soprattutto al web come alcuni contesti siano diventati particolarmente fertili. Collezionismo che ormai si concentra praticamente su ogni aspetto di quella che ad esempio trenta o quaranta anni fa poteva essere considerato il quotidiano. E allora sotto con la fantasia e spazio a qualsiasi considerazione possibile. Qualsiasi, nel vero senso della parola.

Ultimamente, ad esempio a colpire le attenzioni di flotte di collezionisti di ogni angolo del pianeta è la collocazione, ipotetica di quelli che sono i più noti ed antichi albi a fumetti della storia. Già in passato, questi oggetti sono stati venduti a cifre esorbitanti, e di conseguenza oggi un po’ tutti nel rovistare tra le proprie cose vecchie immaginano, quasi sognano, di poter trovare qualcosa di simile da rivendere prontamente. Basti pensare che “Action Comics 1”, datato 1939, l’albo che in pratica racconta la prima apparizione di Superman è stato di recente, nella sua prima edizione, venduto all’asta per ben 3,2 milioni di dollari.

L’albo invece uscito per primo con il nome “Superman”, può valere oggi soltanto, si fa per dire, 600mila euro. “More Fun Comics” n.52, del 1940. Una copia dell’albo che racconta le avventure di uno spettro, oggi può valere circa 250mila euro. Se parliamo invece del primo numero di “Archie Comics”  può valere invece, ad oggi, circa 260mila dollari. Capitan America, invece, nella sua prima apparizione del 1941 può valere circa 350mila dollari. Numero reso prezioso anche dalla presenza dei celebri autori Joe Simon e Jack Kirby.

“Marvel Comics” con la prima apparizione della Torcia umana può invece valere oggi circa   di 375mila dollari. Stessa valutazione per il primo numero di Flash Gordon. “Amazing Fantasy”, che nel suo numero 15 vide la prima apparizione di Spiderman può valere oggi circa 1 milione e 100mila dollari. Per Batman, invece, per quanto riguarda il suo primo numero, datato 1940 siamo vicini ai 400mila dollari. Discorso diverso invece per il  “Detective Comics” n.27, l’albo che vide l’esordio del Cavaliere Oscuro. La sua valutazione, oggi è di quasi un milione e mezzo di dollari.

Come possiamo vedere, insomma, ciò che si nasconde potenzialmente in una soffitta, tra le cose vecchie in fin dei conti, potrebbe rappresentare a tutti gli effetti un vero e proprio tesoro. Certi oggetti, tra quelli elencati, in tutti questi anni, saranno stati di certo nascosti da qualche parte no? Controllare bene insomma in ogni angolo della nostra soffitta, o cantina, vecchi bauli, scatoloni, ciò che si può trovare di estremo valore, spesso nemmeno la si conosce. Cercare e ricercare, questa è la ricetta giusta per scovare inimmaginabili tesori di casa nostra.