Bonus Pasqua: chi si ritroverà la sorpresa in busta paga a maggio

Il Bonus Pasqua che è previsto per alcune categorie di lavoratori in busta paga a maggio. Ecco quali sono i beneficiari nello specifico 

In totale la maggiorazione dello stipendio riguarda circa 225.000 lavoratori in tutta Italia. Tutti i dettagli in merito alla situazione.

Bonus Pasqua
Fonte Adobe Stock

La Pasqua non porta solo festività e cibo, bensì anche buone notizie sul fronte lavoro o meglio per alcune tipologie di lavoratori. Quest’anno infatti è previsto il Bonus Pasqua in busta paga. Il Consiglio dei Ministri ha dato il suo assenso alla misura che gioverà a diversi abitanti del Bel Paese, nella fattispecie circa 225.000.

Si aggiunge ai rinnovi contrattuali relativi al triennio 2019-2021. La conferma è arrivata anche dal ministro della Pubblica Amministrazione Renato Brunetta. Quest’ultimo ha anche reso nota la nascita di una quarta area per i funzionari con elevate possibilità.

Bonus Pasqua: per chi è prevista la sorpresa nello stipendio di maggio

Andando nel dettaglio, riguarda i dipendenti statali e in un primo momento dovrebbe riguardare solo il comporto rientrante nelle funzioni centrali. Poi arriveranno per tutti non solo gli aumenti in busta paga, ma anche gli arretrati.

Oltre a dare un incentivo a livello economico, il Governo Draghi punta a potenziare la formazione e a sviluppare le competenze nelle Pubbliche Amministrazioni. È prevista inoltra la revisione delle carriere e degli ordinamenti professionali. Tornando all’indennizzo, il Bonus Pasqua in busta paga è atteso per maggio visto che dovrebbe essere perfezionato entro la fine di aprile. Si attende in tal senso il via libera da parte della Corte di Conti.

Questo mese è inoltre molto interessante per coloro che devono ricevere l‘Assegno unico familiare per i figli a carico e il Reddito di Cittadinanza (clicca qui per conoscere le date delle erogazioni). Alcune categorie potranno beneficiarne già prima di Pasqua e magari potranno utilizzare la somma ricevuta per fare la spesa in previsione dei giorni di festività.

Un’attività da fare in maniera piuttosto oculata quest’anno visto che i prezzi dei generi alimentari negli ultimi mesi sono praticamente schizzati alle stelle per effetto del conflitto ancora in corso tra Russia e Ucraina. Ecco quali hanno subito i maggiori rincari.