C’è una voce ed una consegna urgente: l’anziana però ha scoperto tutto

Attenzione in casa, attenzione fuori casa, ogni luogo insomma potrebbe nascondere insidie che nemmeno riusciamo ad immaginare.

Abbiamo visto come negli ultimi tempi stare a casa sia diventato qualcosa di assolutamente rischioso per tutta una serie di motivazioni. Rischi che derivano da numerosi possibili scenari. Situazioni che in qualche modo vanno a colpire coloro i quali spesso sono soli in casa, gli anziani ad esempio. Situazioni al limite spesso troppo pericolose per passare inosservate.

Truffa anziani

Sempre più spesso, purtroppo capita di scontrarsi con fatti di cronaca che di certo non aiutano a migliorare la nostra percezione di sicurezza. La cronaca per l’appunto negli ultimi tempi ci ha raccontato di quanto spesso sia dura vivere da soli, situazione spesso vissuta dagli anziani. Dura e soprattutto pericoloso considerata la mole di rischi che arrivano dall’esterno. Situazioni, dinamiche spesso mascherate ma che spesso invece vanno a segno che coinvolgono persone che hanno commesso un unico errore, quello di fidarsi.

I fatti di tutti i giorni ci fanno rendere conto di quanto può essere in effetti complicato liberarsi dalla morsa di determinati rischi se si vive da soli, se non si ha l’immediato appoggio di chi può fungere da supporto. I rischi, elevati, negli ultimi periodi forse ancora di più parlano di truffe, raggiri architettati nei minimi dettagli. Situazioni insomma dalle quali è quasi impossibile liberarsi dalla morsa di determinate situazioni. In questi casi è davvero complicato.

C’è una voce ed una consegna urgente: hanno provato a truffarla con una voce finta

Quello che è successo, precisamente a Sulmona è qualcosa che di certo non scopriamo per la prima volta. Ci troviamo di fronte alla solita truffa del pacco da consegnare. Una chiamata la finta illusione dell’oggetto particolarmente prezioso da recapitare per l’appunto e poi la richiesta di soldi magari spinta dall’utilizzo di particolari modalità di plagio. Utilizzare ad esempio la figura di parenti cari alla vittima prescelta. Come in questo caso ad esempio.

Al telefono, la donna in questione, ha ascoltato la voce di suo nipote per la richiesta di 4000 euro necessari per la consegna del pacco in questione. In questo caso, però la donna è stata molto scaltra ed ha subito contattato il vero nipote il quale ha confermato di non aver bisogno di nessuna cifra per alcun pacco. La cosa che avrebbe in un certo senso salvato la donna è stata forse proprio la cifra troppo alta richiesta. Fosse stata più bassa, magari ci sarebbe anche cascata.

Situazioni davvero al limite insomma che possono essere risolte esclusivamente dalla prontezza di riflessi delle potenziali vittime. Poi al telefono chiaramente la sicurezza della vittima prescelta può essere diversa rispetto ad esempio al contatto di persona. In quel caso invece la cosa diventa molto più pericolosa, perchè li ci si può sentire minacciati direttamente, di fronte ad un quasi tentativo di estorsione. Il contatto come spesso in ogni caso accade è certo tutt’altra cosa. In quel caso tutto cambia, tutto si fa molto più rischioso, pericolo. A quel punto liberarsi dalla morsa del truffatore diviene operazione alquanto complessa ai limiti dell’impossibile. Massima attenzione insomma, sempre, in ogni caso.