Conto corrente, evitare gli accertamenti dell’Agenzia delle Entrate è possibile: la verità che non ti aspetti

Occhio ai controlli del Fisco! Entriamo nei dettagli e vediamo come fare per evitare gli accertamenti dell’Agenzia delle Entrate.

L’evasione fiscale si rivela essere una delle maggiori piaghe della nostra società. Proprio in tale contesto non stupisce che aumentino i controlli del Fisco.

controlli agenzia delle entrate accertamenti
Foto © AdobeStock

Il denaro non è sinonimo di felicità ma aiuta, senza ombra di dubbio, a risolvere un bel po’ di situazioni problematiche. A partire dalle bollette di acqua, luce e gas, passando per il carburante, fino ad arrivare all’alimentazione e all’abbigliamento, in effetti, sono davvero tante le volte in cui ci ritroviamo a dover mettere mano al portafoglio. Data la sua importanza, pertanto, non stupisce che siano in molti a volgere un occhio di riguardo proprio ai soldi.

Tra questi si annovera il Fisco. Proprio quest’ultimo, infatti, è sempre pronto ad effettuare controlli volti a scoprire eventuali casi di evasione fiscale. Quest’ultima, d’altronde, si rivela essere una delle maggiori piaghe della nostra società. A tal proposto, pertanto, interesserà sapere che, prestando attenzione ad alcuni accorgimenti e in modo del tutto legale, è possibile evitare gli accertamenti dell’Agenzia delle Entrate. Ma come fare? Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

Conto corrente, evitare gli accertamenti dell’Agenzia delle Entrate è possibile: tutto quello che c’è da sapere

Abbiamo già visto che vi sono dei movimenti a cui bisogna prestare particolare attenzione, in quanto in questi casi l’Agenzia delle Entrate potrebbe considerarvi degli evasori fiscali. Sempre in tale ambito, in effetti, non si può non notare come nel corso degli ultimi anni i controlli del Fisco siano notevolmente aumentati. A finire sotto la lente di ingrandimento del Fisco, in particolar modo, è il conto corrente.

Proprio attraverso quest’ultimo, infatti, è possibile notare eventuali incongruenze tra i soldi disponibili sul conto e il reddito dichiarato. Proprio in una circostanza di questo tipo, quindi, l’Agenzia delle Entrate potrebbe richiedere degli accertamenti. Al fine di evitare spiacevoli inconvenienti, pertanto, è bene prestare attenzione a piccoli, ma importanti, accorgimenti.

In caso, ad esempio, di donazione da parte di un famigliare, allora si consiglia sempre di indicare la causale quando si fa il bonifico. Nel caso in cui si tratti di un importo particolarmente elevato, inoltre, è possibile fare un atto notarile. Ma non solo, si invita anche a stare attenti ai bonifici ricorrenti nei confronti della stessa persona.

Sempre in tale ambito, come già detto, si invita a specificare sempre la causale, in modo tale da evitare di incorrere in spiacevoli inconvenienti. Allo stesso modo attenti anche ai prelievi e versamenti. Un versamento di denaro sul proprio conto decisamente corposo rispetto alle entrate dichiarate, infatti, finisce inevitabilmente per destare attenzione.

Tra i comportamenti sospetti, poi, il fare spese al di sopra delle proprie possibilità. È sufficiente, quindi, ricordarsi sempre di specificare la causale e soprattutto prestare attenzione ad evitare possibili movimenti anomali, onde evitare di dover fare i conti con i poco piacevoli accertamenti del Fisco.