L’incubo degli automobilisti adesso è realtà: multe fino a 3.287 Euro

La tecnologia, si sa, aiuta in tanti modi. Ma da oggi farà “tremare” gli automobilisti. Arriveranno multe fino a 3.287 Euro. Un nuovo dispositivo, infatti, non lascia scampo alle infrazioni.

In Italia sta per avvenire una vera rivoluzione, ma gli automobilisti – e chiunque alla guida di un veicolo – rischiano grosso. O almeno, quelli che abitualmente hanno il “piede pesante” o utilizzano il cellulare mentre viaggiano, e che si “dimenticano” di pagare assicurazione e bollo. Andiamo a scoprire cosa sta succedendo.

multe fino a
Adobe Stock

Se fino ad oggi gli automobilisti temevano multe e autovelox, d’ora in avanti avranno un nuovo nemico. Stiamo parlando di TruCam, l’innovativo mezzo usato dalla Polizia per scovare le infrazioni. Tecnologicamente parlando, è un “mostro” che non lascia scampo. Si tratta di un Telelaser capace di rilevazioni mai viste prima.

Chi rischia multe fino a 3.287 Euro

Dotato di telecamere Hd e puntatori laser, memoria espandibile e capacità di arrivare fino a 1.200 metri di distanza, è in grado di rilevare le infrazioni anche di notte, e soprattutto “scovare” cosa sta succedendo all’interno dell’auto. Ovviamente è tarato per riconoscere il tipo di veicolo, quindi parliamo di qualsiasi mezzo.

Chi circola senza cintura, o peggio si concede chiacchere al telefonino, verrà “beccato” all’istante. TruCam può essere usato sia in postazione fissa che mobile. Non solo, registra la velocità dell’auto sia mentre sta arrivando nel suo raggio d’azione che dopo. Quindi, frenare in prossimità del dispositivo e poi accelerare come coi “vecchi” autovelox non è più possibile. O meglio, non serve a niente.

La “brutta” notizia è che questi dispositivi sono già operativi sul territorio nazionale. Se ne contano addirittura già 500. La Polizia Stradale ne ha almeno 20. La “sperimentazione” è partita in alcune Regioni ma a breve tutta l’Italia sarà “coperta dal servizio”.

L’altra cattiva notizia è che contestare una multa effettuata da un TruCam è praticamente impossibile. Le prove video che produce sono schiaccianti. Chi si chiede dove finirà la “privacy”, e se potrà impugnare la multa a causa della “violazione” della stessa, dovrà rassegnarsi.

TruCam, “nessuna pietà”

L’uso di TruCam è regolamentato dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti secondo un decreto risalente al 2011, quindi anche da questo punto di vista niente da fare. TruCam può elaborare video e foto ad alta risoluzione, e vede ogni cosa.

Si stima che stiano arrivando migliaia di multe a ignari – e indisciplinati – automobilisti. Le cifre? Per capire quanto dovremo tirare fuori dal portafogli basta controllare il Nuovo Codice della Strada. Forse non tutti sanno che con l’aggiornamento molte sanzioni sono quasi raddoppiate. Qualche esempio? Chi si è fatto beccare al cellulare rischia multe fino a 646€; senza cintura di sicurezza almeno 300€; le multe arrivano fino a 3.287€ a chi ha superato la velocità consentita.

Chi pensa che sia finita qui, si sbaglia. TruCam, quando “spia” il veicolo, è anche in grado di incrociare i dati con la Motorizzazione e di segnalare se il mezzo è sprovvisto di assicurazione o se è in ritardo con la revisione. Un controllo a 360 gradi, quindi, che scandaglia ogni cosa e che non avrà nessuna pietà per i “furbetti” alla guida.