Conto corrente, milioni di addebiti per questa imposta: ve ne siete accorti?

Milioni di correntisti hanno avuto l’addebito di questa imposta. Evitarla però è possibile, entriamo quindi nei dettagli e vediamo come fare.

Vi è un’imposta che molti correntisti si ritrovano puntualmente a pagare, ma che è possibile, in determinati casi, evitare. Ecco tutto quello che c’è da sapere in merito.

conto corrente evitare imposta bollo
Foto © AdobeStock

Il denaro non è garanzia di felicità ma aiuta, indubbiamente, a trovare una valida soluzione a un bel po’ di situazioni problematiche. A partire dall’alimentazione fino ad arrivare alle bollette delle utenze domestiche, in effetti, sono davvero tante le volte in cui ci ritroviamo a dover sborsare del denaro. Vista l’importanza di quest’ultimo, quindi, non stupisce che in molti decidano di volgere un occhio di riguardo al mondo del risparmio.

Sempre più soldi, pertanto, vengono lasciati fermi sul conto corrente, finendo però per essere erosi dalle tasse e costi di gestione. Lo sanno bene milioni di correntisti che proprio ad inizio aprile si sono visti addebitare un’imposta che viene prelevata forzosamente ogni anno. Evitarla, però, è possibile. Ma come fare? Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

Conto corrente, evitare l’addebito di questa imposta è possibile: tutto quello che c’è da sapere

Abbiamo già visto che lasciare i propri soldi fermi sul conto corrente può rivelarsi spesso controproducente per via dei costi e dei rischi derivanti. Tra questi si annovera un’imposta che deve essere pagata ogni anno da tutti coloro che presentano una giacenza media annuale superiore ai 5 mila euro.

L’importo di tale imposta, ricordiamo, è pari a 34,20 euro all’anno per le persone fisiche e 100 euro per le persone giuridiche. Un prelievo di denaro forzoso che non è passato inosservato a milioni di correntisti che hanno dovuto fare i conti con il relativo addebito proprio con l’arrivo del mese di aprile.

Se il proprio istituto di credito effettua la rendicontazione trimestrale, infatti, i soggetti interessati si sono vesti addebitare già 8,55 euro. Questo, come già detto, nel caso in cui la giacenza media sul proprio conto risulti pari o superiore a 5 mila euro. L’addebito, come già detto, è automatico, ma fortunatamente, in determinati casi, è possibile evitare di dover pagare tale voce. Ma come fare?

Conto corrente, evitare l’addebito dell’imposta di bollo è possibile: i metodi che non ti aspetti

Ebbene, come è possibile intuire, l’imposta di bollo sul conto corrente non deve essere pagata in presenza di un conto corrente con giacenza media inferiore a 5 mila euro. In alternativa è possibile evitare di dover fare i conti con tale prelievo forzoso, semplicemente aprendo un conto corrente online con imposta di bollo gratuita. Diversi, in effetti, sono gli istituti di credito che offrono tale soluzione.

Ma non solo, in base alla normativa vigente, non devono pagare tale imposta coloro che presentano un reddito molto basso, con un Isee inferiore a 7.500 euro. In questo caso, per non dover pagare l’imposta di bollo, è necessario presentare apposita richiesta alla banca. Hanno diritto all’esenzione dal pagamento dell’imposta di bollo anche i  titolari di conti corrente di base e Isee inferiore a 11.600. Con il termine conti corrente di base, ricordiamo, si fa riferimento a conti con un’operatività limitata.

Non pagare l’imposto di bollo sul conto corrente, quindi, in determinati casi è possibile. Non bisogna fare altro che volgere un occhio di riguardo alle varie caratteristiche del proprio conto e relative disponibilità economiche, per poter optare per la soluzione più adatta alle proprie esigenze.