Esenzioni Ticket, al via i rinnovi automatici: cosa occorre sapere per non rischiare

Da ieri sono partiti i rinnovi automatici delle esenzioni ticket sanitario per reddito. Scopriamo come verificare se l’esenzione di cui si ha diritto è stata rinnovata.

Al via i rinnovi automatici dell’esenzione ticket per reddito. Per evitare brutte sorprese è consigliabile controllare la propria posizione. Vediamo come procedere.

esenzione ticket
Adobe Stock

La normativa prevede che i cittadini con determinati requisiti possano ottenere l’esenzione dal pagamento del ticket sanitario. Nello specifico, a richiedere tale agevolazione sono i soggetti che soddisfano condizioni reddituali oppure che presentano patologie croniche, malattie rare o invalidità. Ogni requisito consentirà di avere un codice di esenzione specifico che permetterà di non pagare farmaci, visite specialistici, controlli ed esami. Mentre le condizioni relative allo stato di salute devono essere certificate da un medico competente e rinnovate di persona ogni anno, per i requisiti reddituali è previsto il rinnovo automatico. Da ieri, 1° aprile, sono scattati proprio tali rinnovi sui redditi ma può succedere che il sistema cada in errore. E’ opportuno, dunque, verificare che l’esenzione sia stata effettivamente rinnovata per non dover rinunciare ad un proprio diritto.

Esenzioni ticket sanitario, come verificare il rinnovo

Il servizio di autocertificazione relativo all’esenzione dal pagamento del ticket sanitario è utile per controllare e gestire dati, informazioni, richieste attinenti alla questione. Le Regioni dovrebbero aver attivato questo servizio online per consentire ai cittadini un rapido controllo della situazione e lo svolgimento di diverse operazioni telematiche.

Tramite il portale online della Regione Puglia, ad esempio, è possibile inviare la propria autodichiarazione per comunicare la propria condizione di avente diritto all’esenzione per reddito. Non sarà necessario, dunque, recarsi presso una Asl ma si potrà compilare il modello comodamente da casa per poter accedere a prestazioni specialistiche e farmaci senza dover pagare. Il servizio è utile per chi non è inserito nell’elenco degli esenti pur avendone diritto per accedere all’agevolazione nonché per controllare l’avvenuto rinnovo dell’esenzione. L’accesso alla piattaforma delle Regione Puglia richiede il possesso delle credenziali digitali e, probabilmente, sarà lo stesso per le altre regioni.

Quando si ha diritto all’esenzione per reddito

Prima di inoltrare un’autocertificazione è bene conoscere i requisiti richiesti per accedere all’esenzione ticket per reddito. Risultano esenti tutti i bambini al di sotto dei sei anni e i cittadini con più di 65 anni e reddito inferiore a 36.151,98 euro (codice E01). Con codice E02 sono esenti dal pagamento di esami e visite specialistiche i soggetti disoccupati e i familiari a carico con reddito inferiore a 8.263.31 euro oppure 11.362,05 euro se coniugati e con una maggiorazione di 516,46 euro per ogni figlio a carico.

I percettori di pensione sociale e i familiari a carico possono utilizzare l’esenzione E03 per acquistare farmaci, effettuare visite specialistiche e esami medici mentre il codice E04 si rivolge ai pensionati di età superiore ai 60 anni con le soglie reddituali massime valide per l’esenzione E02. Concludiamo, poi, con l’acquisto di farmaci con esenzione totale o parziale con codice E94 per i nuclei familiari con reddito inferiore a 18 mila euro (più mille euro per ogni figlio a carico), codice E95 per persone di età superiore ai 65 e reddito inferiore a 36.151,98 euro e codice E96 per i nuclei familiari con reddito inferiore a 23 mila euro (più mille euro per figlio a carico).