PostePay, limitazione nei pagamenti: cosa sta accadendo

Le carte prepagate PostePay non potranno più essere utilizzate per qualsiasi pagamento. Alcune condizioni limiteranno le operazioni; scopriamo cosa sta succedendo.

PostePay, cambiano alcune direttive sui pagamenti in seguito al riscontro di numerose truffe. La sicurezza aumenta provocando degli inconvenienti.

PostePay truffa
Adobe Stock

Le carte prepagate PostePay sono molto diffuse tra la popolazione italiana. Risultano comode, pratiche e veloci soprattutto per effettuare acquisti online. Proprio nel web si nascondono – neanche troppo celate – delle truffe ai danni dei titolari della prepagata. I cyber criminali studiano periodicamente nuovi metodi di attacco informatico nei confronti degli ignari cittadini che convinti di compiere una semplice operazione finiscono per regalare ai malintenzionati l’accesso ai conti e alle carte. La Polizia Postale esorta la popolazione a prestare particolare attenzione alle e-mail in arrivo, agli sms e alle telefonate sospette evitando di cedere alla tentazione di cliccare su link o inserire dati sensibili per far fronte ad una finta problematica. Bersagli dei cyber criminali sono i conti correnti, gli account e le carte prepagate. Proprio con riferimento a quest’ultime è bene conoscere le nuove limitazioni imposte da PostePay.

PostePay e le truffe svuota conto

Poste Italiane rileva costantemente tentativi di raggiri ai propri clienti. Negli ultimi tempi, l’azienda ha ricevuto numerose segnalazioni di truffe sulla carta prepagata PostePay. I titolari hanno notato negli estratti conto degli addebiti non autorizzati che ammontavano a pochi euro alla volta per svariate operazioni al giorno. Attacchi continui di basso importo che sono riusciti a svuotare interi conti legati alla carta.

Questo tipo di raggiro è facilmente messo in atto dai criminali informatici proprio per la caratteristica principale della PostePay, consentire gli acquisti online su portali più o meno affidabili. Un modulo da compilare, un link da cliccare durante una presunta operazione di acquisto e presto la carta sarà svuotata. Per evitare che i clienti subiscano queste truffe, Poste Italiane ha deciso di aumentare la sicurezza sebbene ciò significhi maggiori inconvenienti per gli utenti.

Quando non si potrà pagare con la prepagata

I titolari di una PostePay avranno notato che da qualche tempo a questa parte per poter finalizzare un’operazione di acquisto devono necessariamente inserire durante la transazione un codice in arrivo via sms. Ora, per acquistare online sarà necessario avere sul proprio smartphone l’App PostePay per autorizzare il pagamento. Nel caso in cui il proprio device non dovesse supportare l’applicazione non si potrebbe procedere con l’acquisto.

Inoltre, un ultimo limite è previsto per i proprietari della prepagata. Dall’anno in corso non sarà possibile procedere con pagamenti presso negozi la cui localizzazione non è precisa. Ciò vale soprattutto per store situati fuori dalla zona euro.