Legge 104 e invalidità: se soffri di artrosi devi sapere cosa ti spetta dall’Inps

Legge 104 e invalidità civile sono alcuni dei diritti previsti per chi soffre di artrosi. Scendiamo nei dettagli e scopriamo tutte la agevolazioni più importanti.

Le persone affette dalla malattia cronica dell’artrosi possono richiedere ed ottenere l’invalidità civile, l’indennità di accompagnamento e i benefici concessi con la Legge 104. Vediamo in quali casi.

Legge 104 Invalidità
Adobe Stock

Il Governo prevede agevolazioni assistenziali ed economiche per i cittadini che presentano determinate patologie invalidanti. Nel lungo elenco delle malattie troviamo l’artrosi, una malattia cronica caratterizzata dalla degradazione della cartilagine articolare, dal danno all’osso posto al di sotto della cartilagine e dall’infiammazione della membrana sinoviale. I dolori causati dall’artrosi possono invalidare notevolmente il soggetto affetto dalla patologia e limitarne l’azione sia nella vita quotidiana che a lavoro. Ecco perché i malati di artrosi possono usufruire delle agevolazioni della Legge 104, dell’invalidità civile e dell’indennità di accompagnamento nei casi più gravi.

Invalidità per chi soffre di artrosi

Il dolore collegato all’artrosi è causato e amplificato dal movimento. I soggetti affetti dalla patologia hanno bisogno di periodi di riposo per far attenuare l’infiammazione che, però, torna in modo cronico ogni qualvolta l’articolazione viene sottoposta a sforzi. L’artrosi provoca dolori sia di giorno che di notte ed è fonte di frequenti risvegli notturni. L’evoluzione della malattia è graduale e può manifestarsi molto presto, anche intorno ai 20/30 anni. Al raggiungimento della percentuale di invalidità del 33,3%, può essere considerata invalidante e lasciare libero accesso ad alcune prestazioni previste dall’INPS.

Le agevolazioni previste per chi ha un grado di invalidità basso riguardano la gratuità dell’acquisto o della concessione di protesi e ausili previsti dal nomenclatore nazionale. Proseguono, poi, con l’iscrizione agli elenchi provinciali del lavoro e della massima collocazione per il collocamento occupazionale obbligatorio. Per avanzare richiesta occorrerà inoltrare domanda allegando il verbale di riconoscimento della malattia. Continuiamo con il congedo per le cure retribuito per un massimo di trenta giorni richiedibile una volta all’anno. La richiesta dovrà essere inoltrata dal medico curante dopo l’autorizzazione del medico della Asl territoriale.

Legge 104, cosa afferma la normativa

I caregiver di persone affette da artrosi possono richiedere i permessi con la Legge 104 per assistere il familiare con disabilità. La domanda può essere inoltrata, ad esempio, dal coniuge, dai figli conviventi, dai parenti o affini di secondo grado. Altre agevolazioni richiedibili con la Legge 104 sono i bonus per le spese mediche generiche e per l’assistenza specialistica. Parliamo della detrazione del 19% per le spese sanitarie, per l’acquisto di un’auto, per comprare mezzi di deambulazione, dell’IVA agevolata al 4% e dell’esenzione dal pagamento del bollo auto.

Indennità di accompagnamento

Concludiamo con l’agevolazione massima richiedibile solamente da chi ha una percentuale di invalidità del 100%, l’indennità di accompagnamento. Possono ottenerla le persone che non riescono a deambulare da sole e necessitano costantemente dell’aiuto di un caregiver per svolgere le più semplici attività quotidiane (mangiare, lavarsi, vestirsi). L’importo della prestazione erogato mensilmente è fissato, per l’anno in corso, a 529,24 euro.