Non è una semplice moneta: con questa in casa si è subito milionari

Ci sono monete che semplicemente fanno parte di una categoria a parte. Esemplari unici nella storia che oggi valgono cifre inimmaginabili. 

Alcune monete non possono essere considerate al pari di tutte le altre, per una questione puramente pratica. Si parla di tutt’altra storia, tutt’altro esemplare. Pezzi che arrivano da talmente lontano, parliamo di tempo che non possono essere affatto confusi con qualcosa di mediamente recente. Il solo valore di certi esemplari lascerebbe a bocca aperta chiunque.

Monete preziose
Adobe

Le cronache spesso ci mettono al corrente di fatti e storie assolutamente eccezionali. Soltanto qualche mese fa leggevamo ad esempio del tesoro in monete ritrovato da un gruppo di esploratori alla fine per puro caso. Una grotta dove questi trovano rifugio che nasconde un’impensabile nascondiglio. Li, un tesoro, per l’appunto inimmaginabile. E’ successo, succede e succederà ancora. Esemplari unici nel loro genere risalenti a centinaia di anni fa che tra le altre cose nascono valori che non sono minimamente comparabili con quelli delle classiche monete collezionate.

Altri casi eclatanti sono stati quelli che hanno raccontato di ritrovamenti altrettanto fortuiti in casa propria letteralmente. L’uomo che in giardino armato di metal detector tira fuori una antichissima moneta sepolta li da centinaia di anni, oppure l’altro che in un campo adiacente a casa propria sempre per puro caso tira fuori un eccezionale tesoro. Situazioni assolutamente eccezionali che ci fanno rendere conto di quanto in alcuni casi ad incidere ci siano dei fattori che non possiamo neppure minimamente considerare in condizioni per cosi dire normali.

Non è una semplice moneta: la Kampener Rosenoble del 1600 battuta all’asta ad una cifra record

Moneta rara valore record

Quello che è successo con la moneta in questione è qualcosa di assolutamente incredibile. Una moneta fatta interamente d’oro, dal nome assolutamente particolare: Kampener Rosenoble, attualmente la più preziosa moneta al mondo. Coniata orientativamente intorno al 1600 la moneta in questione ha un diametro di 44 millimetri e pesa 61 grammi. L’incisione principale mostra il profilo di Elisabetta I regina d’Inghilterra. L’esemplare in questione è stato battuto presso una nota casa d’aste tedesca di Osnabrück per una cifra pari a 700mila dollari, 638mila per la precisione.

“Un risultato eccezionale”, come definito dallo stesso direttore della casa d’aste tedesca Fritz Künker. La storia di questa particolarissima moneta è altrettanto curiosa e per certi aspetti molto complessa. Cosi come spiegato perfettamente da “Italia Oggi”, tutto parte da molto lontano: “La moneta apparteneva ad una famiglia di ebrei costretti a fuggire dai nazisti in Germania. Uno dei primi proprietari – di sice – è stato Felix Schlessinger, che prima della Grande Guerra lavorava in un negozio di numismatica a Francoforte”.
“Poi l’attività fallì – continua – e lui si trasferì a Berlino, dove mise insieme una collezione di grande valore, cui nel ’35 si aggiunse proprio la Kampener Rosenoble, acquistata da un collega di Londra per 900 sterline. Quando i nazisti vietarono agli ebrei di fare gli antiquari, lui e la moglie decisero di trasferirsi in Olanda, insieme ai figli Max e Paul”.
“Alla fine, dopo l’occupazione dell’Olanda, marito e moglie furono internati nel lager di Westerbork e lì morirono. La moneta, prima dell’internamento, venne ceduta con un atto fittizio da Felix al gioielliere Jacques Schulman, che decise di proteggerla nascondendola nel giardino di un amico. Alla fine della guerra, però, invece di tenerla per sé, il gioielliere decise di contattare uno dei figli dell’uomo, Max, per dargliela indietro. Gli scrisse, Questo tesoro è tuo“. Una storia assolutamente toccante e molto particolare che fa comprendere quanto in effetti è capitato ne recente periodo all’esemplare in questione.
Vicende incredibili ed assurde peripezie per arrivare poi ad una conclusione della storia che fa emergere certamente nobili sentimenti che hanno poi consentito un risvolto di tutta la storia semplicemente inatteso. Esemplari unici che non possono prescindere dal giudizio della storia e del mercato dei collezionisti che per loro sancisce regole e valutazioni. Ci troviamo di fronte a casi assolutamente unici che non possono che segnare le vite dei fortunati possessori in questione. Il resto è storia, cosi come quello che c’era stato prima. Gemme preziose che andranno ad arricchire collezioni probabilmente già grondanti di storia e prestigio.