Bollo auto e altre sanzioni pagabili in 3 rate: adesso è possibile

Grazie ad una nuova funzionalità di PayPal d’ora in poi sarà possibile pagare a rate multe, bollo auto e altre tasse. Ecco in che modo è possibile 

La società californiana ha deciso di supportate il sistema di pagamento digitale della Pubblica Amministrazione Italiana e di dare vita a questo importante beneficio.

Bollo auto
Fonte Adobe Stock

Avere la possibilità di dilazionare i pagamenti relativi a bollo auto o sanzioni varie è un po’ il sogno di tutti gli italiani. Non è raro trovarsi in situazioni in cui bisogna sbrigare tutte queste pratiche contemporaneamente vivendo poi delle situazioni di affanno.

A tal proposito può essere molto importante una recente innovazione di PayPal che consente di frazionare in tre comode rate tutti i tributi sopraelencati. Il tutto è frutto di un connubio nato tra la compagnia americana e la Pubblica Amministrazione italiana.

Bollo auto, sanzioni e multe in tre comode rate: ecco come fare con PayPal

Da qualche giorno tutto ciò è realtà. Basta accedere all’app IO della PA e scegliere come metodo di pagamento “Paga in 3 rate” di PayPal. Gli utenti così facendo possono rateizzare l’intero importo senza interessi e senza incorrere in multe per i ritardi nell’adempimento dei pagamenti dei servizi della Pubblica Amministrazione (multe, bolli auto, bollette, tasse e altro ancora). La soluzione è contemplata solo per le somme comprese tra 30 e 2.000 euro.

Al contempo però sono in arrivo altre novità piuttosto considerevoli riguardanti le regole condizioni d’uso di PayPal. Dal 6 maggio 2022 sarà addebitata una somma pari a 10 euro per tutti i conti che almeno da 1 anno non effettuano alcuna operazione o non accedono al conto stesso. Il denaro in questione viene scalato direttamente dal saldo del conto che deve quindi essere per forza di cose positivo.

Per chi non conosce PayPal, dal 1998 offre ai consumatori modalità alternative per effettuare acquisti. Inoltre consente di inviare e ricevere denaro online. Permette di pagare in rete con un conto bancario anziché con una carta di credito e mantiene nascoste ai commercianti le informazioni di pagamento dell’utente. Grazie a questo è stato possibile archiviare in parte gli obsoleti e costosi servizi inerenti i bonifici bancari.