“Rimborso di 713 euro”, l’INPS scrive a tutti: cosa sta succedendo

L’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale invita a prestare attenzione ad un  rimborso di 713 euro. Ecco cosa sta succedendo.

Occhio a un nuovo tentativo di raggiro che sfrutta il nome dell’Inps e attraverso il quale dei
truffatori cercano di svuotare il conto del malcapitato di turno.

truffa inps finto rimborso
Foto © AdobeStock

Grazie ai vari dispositivi tecnologi a nostra disposizione, quali smartphone, tablet e pc, abbiamo la possibilità di poter comunicare in modo facile e veloce con chiunque e da qualunque posto. Un interesse, quello verso i vari servizi web, che continua a crescere, rivelandosi spesso terreno fertile per alcuni malintenzionati.

Lo sa bene purtroppo l’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale che ha di recente invitato a prestare attenzione ad un finto rimborso di 713 euro. Un nuovo tentativo di truffa, che rischia di far cadere in molti nella trappola. Entriamo quindi nei dettagli per vedere in cosa consiste e tutto quello che c’è da sapere in merito.

Inps avverte, occhio al “rimborso di 713 euro”: tutto quello che c’è da sapere

I truffatori non si fermano mai e diversi sono purtroppo i tentativi di truffa a cui bisogna prestare la massima attenzione. Ne è un chiaro esempio un nuovo tentativo di raggiro che sta circolando in questi giorni e che sfrutta il nome dell’Inps. A rendere nota tale situazione lo stesso istituto che ha pertanto invitato a prestare attenzione a delle finte e-mail. Ma cosa sta succedendo?

Ebbene, in base a quanto reso noto dallo stesso Istituto Nazionale della Previdenza Sociale attraverso un post su Twitter, “Sono in corso tentativi di truffa tramite mail di phishing“. Entrando nei dettagli si tratta di finti messaggi che rimandano ad un sito esterno, attraverso il quale viene chiesto al destinatario della comunicazione di fornire i propri dati bancari al fine di ricevere un rimborso dal valore di 713 euro.

Nella realtà dei fatti, però, non è così. Anzi, proprio fornendo le proprie informazioni si cade nella trappola dei truffatori che riescono così ad agire indisturbati e svuotare il conto del malcapitato di turno. Proprio per questo motivo l’Inps ricorda che “per motivi di sicurezza, non invia mai comunicazioni di posta elettronica contenenti allegati da scaricare o link cliccabili“.

In caso di dubbio, pertanto, si consiglia di contattare l’istituto. Ma non solo, onde evitare di dover fare i conti con spiacevoli inconvenienti, si consiglia sempre di non cliccare su link provenienti da messaggio sospetti e, in caso di truffa, sporgere il prima possibile denuncia.

Inps avverte, occhio al “rimborso di 713 euro”: il testo del finto messaggio

L’Inps come già detto non invia in alcun caso e-mail con richieste di informazioni di carattere finanziario. Proprio per questo motivo eventuali messaggi di questo genere devono far scattare subito un campanello di allarme. Onde evitare spiacevoli inconvenienti, inoltre, vi riportiamo di seguito il testo della finta e-mail che sta circolando in questi giorni, in modo tale da poterla riconoscere ed evitare di cadere nella trappola.

Gentile cliente,

Con la presente comunicazione la informiamo che il nostro sistema automatico INPS ci ha indicato che lei soddisfa tutti i requisiti e le condizioni per recuperare l’importo di 713,00 EURO sulle tasse e/o contributi pagati nell’anno 2021.

Tuttavia, abbiamo provato ad effettuare il pagamento dell’importo indicato tramite bonifico bancario ma l’operazione non è andata a buon fine perché i suoi dettagli bancari che sono nel nostro possesso risultano errati o incompleti.

Per completare il processo di pagamento la invitiamo a visitare il nostro sito per aggiornare le sue coordinate bancarie.

CONTINUA SULLA PAGINA DEDICATA

Rimanendo in attesa di un vostro gentile riscontro

Porgiamo i nostri sinceri saluti

Cordialmente

INPS“.