Quanti anni di pensione (e di vita) mi godrò? Arriva lo strumento che ce lo dice

Per quanti anni della mia vita riuscirò a starmene comodamente in pensione? Adesso arriva l’app che mi sa rispondere.

Quando leggerete in che modo potreste capire quanti anni di meritata pensione vi godrete, penserete ad uno scherzo. Eppure, è tutto vero, anzi, ci sono degli studi dietro alla risposta che riceveremo. Merito di una app, Population.io di World Data Lab. Con essa, potremo infatti approssimativamente sapere quanti anni di vita dovremmo ancora avere davanti, e quindi quanti ne potremo vivere, appunto, senza dover lavorare.

Pensione (Pixabay)
Pensione (Pixabay)

Population.io di World Data Lab, ci dirà attraverso dei calcoli, qual è la nostra aspettativa di vita, in base al Paese di provenienza, la data di nascita ed il nostro sesso. E così capiremo all’interno del mondo, qual è il nostro posto al momento. Calcolando anche, se vogliamo, quali potrebbero essere le prospettive, se ci trasferissimo in un Paese con minore o maggior aspettativa di vita.

Ci piacerebbe sapere per quanti anni saremo in pensione?

Al di là del semplice: “Quanti anni vivremo”, l’app è interessante perché può darci una serie di indicazioni, della quale sicuramente non siamo a conoscenza. Potreste scoprire quante persone nel mondo, sono nate il vostro stesso giorno; quanti sono addirittura nati alla stessa ora; ed anche qual è la speranza di vita. Addirittura, l’app, sempre seguendo alcuni parametri che non potranno mai essere soggettivi e precisi, ci propone anche una data di fine vita. Contateci, non sarà mai quella precisa.

Ovviamente, si tiene conto delle aspettative di vita di un Paese intero, non della resistenza del nostro corpo, della nostra dieta, e di tanti altri fattori, che in realtà ci porteranno verso una vita più o meno lunga. Però, se prendessimo queste risposte come dati approssimativi, allora potremmo farci un’idea di quanti anni dovremmo riuscire a starcene comodamente in pensione. Ovvio, questo è un calcolo che non farà l’app, ma conoscendo i nostri parametri pensionistici, dovremo fare da soli. Ad esempio, c’è chi grazie al datore di lavoro, può andare in pensione prima, ed allora gli anni saranno ovviamente di più.

Per aiutarci su questo tema, se non siamo tanto bravi con la matematica, allora, una volta ricevuta la risposta dell’app, potremmo cercare il ‘simulatore di pensione futura’ dell’INPS, così da poterci regolare. Naturalmente, tenendo conto di età del lavoratore, storia di lavoro e retribuzione, al momento, questo strumento calcolerebbe la possibilità di pensione, tenendo conto della normativa al momento vigente.