Pensione di reversibilità, aumentare l’importo è possibile: le soluzioni che non ti aspetti

Aumentare l’importo della pensione di reversibilità è possibile. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

Occhio alla pensione di reversibilità, in quanto sono diversi i modi grazie ai quali poter aumentare l’importo di tale trattamento. Ecco di quali si tratta.

pensione reversibilità aumento 2022
Foto © AdobeStock

Dopo aver trascorso la maggior parte della propria vita a lavorare è possibile andare in pensione e dedicarsi così, finalmente, alle proprie passioni, possibilmente in compagnia delle persone amate. Sempre soffermandosi sulla pensione, inoltre, è bene ricordare che, se aventi diritto, tale trattamento viene riconosciuto ai propri famigliari.

Questo è possibile grazie alla pensione di reversibilità che, come già detto, potrà essere richiesta anche nel corso del 2022. Ebbene, a proposito della pensione di reversibilità interesserà sapere che aumentare il relativo importo, in alcuni casi, è possibile. Entriamo nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

Pensione di reversibilità, aumentare l’importo è possibile: tutto quello che c’è da sapere

Abbiamo già avuto modo di vedere quali documenti servono per presentare richiesta per la pensione di reversibilità. Oggi, invece, ci soffermeremo sulla possibilità, in determinati casi, di aumentare l’importo di tale trattamento economico. Entrando nei dettagli, tra i modi che permettono di aumentare di aumentare la pensione di reversibilità si annovera l’integrazione al trattamento minimo.

In base a quanto previsto dalla normativa vigente, coloro che percepiscono la pensione di reversibilità possono integrarla al trattamento minimo, in modo tale da raggiungere quota 515,58 euro al mese. Ma chi può beneficiare di tale integrazione? Ebbene, possono farne richiesta i soggetti con reddito annuo inferiore a 6.702,54 euro.

Tale integrazione avviene in modo parziale, invece, per coloro che presentano un reddito annuo superiore a 6.702,54 euro, fino ad un valore massimo pari a 13.405,08 euro. In presenza di un reddito superiore a 13.405,08 euro, invece, non si ha diritto a nessuna integrazione. Ma non solo, tra le modalità attraverso cui poter aumentare l’importo della pensione di reversibilità si annovera la possibilità di cumulare tale prestazione economica con la pensione o reddito di cittadinanza.

Tra le soluzioni, possibili, poi si annovera anche l’assegno di vedovanza. La richiesta di tale assegno, ricordiamo, può essere presentata solamente da vedovi del tutto inabili al lavoro. L’aumento della pensione di reversibilità grazie all’assegno di vedovanza è pari a 52,91 euro per soggetti aventi un reddito fino a 28.659,42 euro.

In presenza di redditi superiori a quest’ultima soglia ma inferiori a 32.148,87 euro, è possibile beneficiare di un aumento pari a 19,59 euro al mese. Se i soggetti interessati presentano un reddito superiore a 32.148,88 euro, invece, non è possibile beneficiare dell’assegno di vedovanza.