Digitale terrestre, regalo in arrivo: chi può ottenere un decoder gratis

Per i pensionati over 70 e con redditi bassi arriva un decoder a costo zero. Si attendono i dettagli operativi per l’invio della richiesta.

 

Non c’è solo la transizione ecologica in ballo ma anche quella digitale. In tutte le sue forme e, soprattutto, in tutti i suoi contenuti. E se da un lato significa semplificazione, dall’altro richiede un minimo di aggiornamento personale.

Decoder regalo anziani
Foto © AdobeStock

Il passaggio al digitale è avvenuto già durante la fase più dura della pandemia. L’implementazione dei servizi online è stata una soluzione necessaria e, in qualche modo, anche vantaggiosa. Tanto da essere perseguita anche dopo le riaperture, ad esempio rendendo di fatto obbligatoria l’identità digitale (lo Spid) e digitalizzando persino le carte d’identità. I rapporti con la Pubblica amministrazione ne hanno probabilmente giovato, anche se la creazione di un’identità elettronica non è poi così semplice per tutti. Sta di fatto che, per fare di necessità virtù, si è deciso di sterzare in direzione di una rinnovata strategia di svolgimento da remoto delle pratiche principali. Alcuni lo hanno fatto anche nell’ambito del lavoro ma questo è un altro discorso.

L’occasione della transizione tecnologica ha portato l’occasione giusta per rinnovare anche i servizi televisivi, col Governo ad accelerare sensibilmente sul passaggio al nuovo Digitale terrestre. Un’operazione in cantiere da tempo e che, a partire proprio dall’8 marzo 2022, diventerà effettiva, con l’aggiornamento delle tv alle nuove codifiche MPEG-4. Ne abbiamo parlato spesso: si tratta di fatto di un rafforzamento del servizio, che passerà inevitabilmente dall’adeguamento dei dispositivi che ne consentono la fruizione. I televisori chiaramente, ma anche i decoder esterni, che permettono di usufruire dei canali della tv digitale. E proprio su questo fronte c’è un’interessante novità.

Decoder in regalo: ecco per chi e come ottenerlo

La Legge di Bilancio 2022, fra le altre, ha introdotto un’agevolazione che mira a rendere più semplice il passaggio al nuovo Digitale terrestre. Un bonus che, al momento, sta entrando nella sua fase operativa, inaugurata dal decreto direttoriale del Ministero dello Sviluppo economico (datato 2 marzo). Il quale andrà a definire l’iter attuativo che consentirà ad alcuni contribuenti di ricevere un vero e proprio regalo. Si tratta di un decoder compatibile con le nuove frequenze, che consentirà a chi non possiede un adeguato dispositivo video di evitare spese impreviste. Il target è quello dei pensionati, di età pari o superiore a 70 anni, oltre che titolari di trattamenti che, al fine del reddito, non vadano oltre i 20 mila euro.

In questo momento, è stato avviato uno scambio di dati fra l’Inps, il Mise e l’Agenzia delle Entrate, che includer anche Poste Italiane. Sarà proprio dal confronto incrociato che emergerà la short list dei beneficiari. Assieme al dispositivo di compatibilità, sarà fornito un servizio di assistenza telefonica, sia per l’installazione che per la sintonizzazione. Un regalo importante considerando che, a partire dall’8 marzo, inizierà il processo di risintonizzazione dei canali nella maggior parte del territorio italiano.

Chi non possiede un tv compatibile con la codifica MPEG-4, sarà costretto a sostituirlo (potendo sfruttare i bonus tv e rottamazione) oppure a integrarlo con un nuovo decoder, sempre a patto che il dispositivo possa riceverne il supporto. Il dispositivo che verrà concesso ai pensionati sarà di valore non superiore a 30 euro. Più che sufficiente, comunque, per adeguare i televisori domestici al nuovo servizio. Attenzione, perché chi intende usufruire del bonus dovrà presentare apposita richiesta: un passaggio per il quale si attendono ancora maggiori dettagli sul piano operativo.