Cos’è il “telefono rosso” aperto tra USA e Russia: la spiegazione del Pentagono

Stiamo per scoprire cos’è il “telefono rosso” aperto tra Usa e Russia lo scorso 1° marzo 2022. Servirà ad evitare che il conflitto peggiori?

Il Pentagono ha riferito l’apertura del telefono rosso tra Stati Uniti e Russia per cercare di limitare i rischi di un conflitto involontario. Scopriamo cosa significa e come funziona.

telefono rosso
Web

Il “telefono rosso” è una linea di de-conflitto che è stata aperta per evitare lo scoppio di un conflitto involontario in seguito alla guerra tra Russia e Ucraina. L’obiettivo è impedire che errori di valutazione e incidenti militari portino ad un peggioramento della situazione. La decisione è stata presa in seguito alla conclusione del secondo negoziato tra Russia e Ucraina. E’ stata avvertita l’esigenza di installare un canale di comunicazione diretto tra USA e la Russia proprio per arginare le possibilità di “incomprensioni”.

Telefono rosso, i pericoli da evitare

Più volte gli Stati Uniti hanno riferito di non avere truppe in Ucraina pronte al coinvolgimento nel conflitto. La fiducia, però, non è certo una pretesa da assecondare incondizionatamente e il rischio di incidenti e possibili ricadute a causa della guerra tra Russia e Ucraina allarma tutti gli alleati Nato oltre agli USA stessi.

Una velocizzazione della comunicazione diplomatica è fondamentale come la storia insegna. Durante la Guerra Fredda – periodo che ha visto nascere il telefono rosso – la tempestività è stata di vitale importanza durante la crisi dei missili cubani del 1962. Allora come oggi si è raggiunto l’accordo di non dare il via “per sbaglio” ad una guerra nucleare. La dicitura “telefono” non deve lasciar credere che gli scambi avvengano oralmente. I fraintendimenti sono evitabili solamente mettendo nero su bianco le proprie intenzioni.

La storia della linea rossa

Inizialmente la linea rossa prevedeva il passaggio di informazioni tramite due telescriventi collegate da un cavo che passava sott’acqua collegando Washington a Mosca passando per Londra, Copenaghen, Stoccolma e, come penultima tappa, Helsinki. Correva l’anno 1962, più precisamente era il 22 novembre quando il telefono rosso venne attivato per la prima volta negli USA (dopo l’assassinio Kennedy). La Russia, invece, attivò la linea il 5 giugno 1967 in seguito allo scoppio dei sei giorni tra Egitto ed Israele.

Arriviamo ad oggi, il 2022, con la riattivazione della linea rossa a causa delle minacce riversate da Putin verso chiunque aiuti l’Ucraina. Dal Pentagono negli Stati Uniti al Cremlino in Russia, oggi il telefono rosso sfrutta un particolare computer che invia messaggi simili ad e-mail, basato su collegamenti satellitari e su un cavo in fibra ottica. Dal punto di vista tecnologico di passi in avanti ne sono stati fatti dal quel 1962. Peccato che su altri fronti alcune persone rimangano sempre le stesse, con sete di potere e noncuranza per la perdita di vite umane.